Menu
Cerca
Sicurezza stradale

Maxi sanzione al conducente di un Tir che aveva violato i limiti di velocità otto volte

La Polizia Locale di Cassano d'Adda ha comminato una multa complessiva di oltre cinquemila euro a un camionista.

Maxi sanzione al conducente di un Tir che aveva violato i limiti di velocità otto volte
Cronaca Cassanese, 12 Febbraio 2021 ore 16:31

Non aveva rispettato il divieto di accesso ai mezzi pesanti lungo la strada principale. Ma poi quando gli agenti della Polizia Locale di Cassano d'Adda l'hanno fermato hanno scoperto altre nove infrazioni.

Maxi sanzione al conducente di un Tir a Cassano d'Adda

Si è preso una multa complessiva di oltre cinquemila euro per aver violato per ben otto volte i limiti di velocità e non solo. Il fatto è avvenuto nei giorni scorsi lungo via Milano a Cassano d'Adda, quando gli agenti della pattuglia della Polizia Locale, impegnata nel servizio di controllo dei mezzi pesanti per garantire la sicurezza degli utenti della strada, hanno fermato il conducente di un Tir con targa straniera, proveniente da Treviglio e diretto verso Inzago. A bordo c'era un camionista di quarant'anni di origine polacca ai quali è stata subito contestata la violazione del divieto di accesso lungo la strada Comunale, vera e propria arteria che taglia in due la città di Cassano d'Adda.

Altre multe dall'analisi del cronotachigrafo

Gli agenti, esperti nel controllo dei mezzi pesanti e formati appositamente dal Comando della Polizia Locale guidato da Massimo Caiani, hanno poi effettuato, come da prassi, anche il controllo del cronotachigrafo (è un componente della strumentazione di bordo dei veicoli commerciali ed industriali circolanti nell'area comunitaria europea) in uso sul camion. L'apparecchio è infatti in grado di analizzare gli ultimi ventotto giorni di percorso del mezzo pesante, scoprendo quindi che per ben otto volte era stato superato il blocco imposto dal limitatore di velocità previsto dalle norme del Codice della strada. E così hanno comminato una maxi multa al conducente, con la sanzione più importante del valore di oltre novecento euro, ma dato che questi impossibilitato a saldarla prontamente, gli è stato confiscato il mezzo pesante. E' rimasto quindi fino a sera in deposito per via del fermo amministrativo. Dopodiché il giorno successivo lo stesso si è presentato in Comando e ha saldato la sanzione. Gli agenti continueranno a vigilare le strade cittadine al fine di garantire la sicurezza dei cittadini controllando periodicamente i mezzi pesanti.