Maria e Giuseppe sul gommone, polemiche sul presepe della Casa della Carità

“Semplicemente indecente fare propaganda con i simboli del Natale" Sardone, consigliera del comune di Milano.

Maria e Giuseppe sul gommone, polemiche sul presepe della Casa della Carità
10 Dicembre 2018 ore 18:08

Maria e Giuseppe sul gommone, polemiche sul presepe della Casa della Carità.

Maria e Giuseppe sul gommone, polemiche sul presepe della Casa della Carità

Polemiche sul presepe allestito alla Casa della Carità di Milano, in via Brambilla: una sacra famiglia su un gommone, in mezzo al mare, da cui spuntano delle mani che chiedono aiuto. Sotto, una scritta: “Per loro non c’era posto”. Intorno, il presepe è avvolto da filo spinato: una metafora contemporanea sul tema dell’accoglienza.

Polemiche Silvia Sardone sui social

Ma a Silvia Sardone, consigliere comunale del Gruppo Misto a Milano (e non solo a lei) non è piaciuto: “Semplicemente indecente fare propaganda con i simboli del Natale – ha scritto sui social –. Dopo le polemiche dei giorni scorsi in alcune scuole dove si cerca di cancellare il Natale, ora ecco il Presepe usato come clava pro immigrazione. È solo l’ultima trovata per fare becera propaganda di sinistra, l’ennesimo tentativo per oscurare le nostre tradizioni, la nostra storia, la nostra cultura e i nostri valori con messaggi distorti. Certa sinistra e certi ambienti legati all’accoglienza sono sempre più ossessionati dall’immigrazione: infilano messaggi pro migranti anche dove non dovrebbero. Un patetico presepe immigrazionista – aggiunge – per fare becera propaganda, tra l’altro sparando assurdità visto che Maria e Giuseppe non erano affatto profughi. Bisogna difendere le nostre tradizioni, la nostra cultura e i nostri valori da queste provocazioni”.

La replica della Casa della Carità

La risposta della Casa della Carità parla di “due presepi, uno all’esterno, sotto le scale dell’ingresso, e uno nella cappella al secondo piano. Il primo è ispirato al Vangelo di Luca e in particolare al verso “Per loro non c’era posto”. Il secondo prenderà forma la notte di Natale, durante la celebrazione della Santa Messa, con la deposizione di Gesù nella mangiatoia: una sistemazione povera e umile, ma allo stesso tempo calda e accogliente”.

Don Colmegna

“Per noi un monito a essere quotidianamente luogo di solidarietà aperta e di giustizia, di pace e di fraternità per tutti”, spiega don Virginio Colmegna, presidente della Casa della carità che aggiunge: “Siamo convinti che la Natività sia una storia di straordinaria contemporaneità, che continua a parlare al nostro presente. Per questo, nel Presepe allestito all’esterno, abbiamo ripreso la frase del Vangelo di Luca, per riflettere su quanto accaduto a Maria e Giuseppe, che in cerca di un riparo per la notte, si sono sentiti rispondere ogni volta che per loro posto non ce n’era”.

Ispirato alla vicenda Aquarius

A costruire il presepe “contemporaneo” con la sacra famiglia sul gommone, Iole, Chiara, Gigi e Gianni, le prime due operatrici della Casa e gli altri volontari: “L’idea di realizzarlo in questo modo è nata mesi fa, dopo la vicenda della nave Aquarius, che per giorni e giorni, dopo il no dell’Italia, ha girovagato da un porto all’altro per trovare un approdo in un Paese europeo che accogliesse i migranti salvati dal naufragio – spiegano –. Sappiamo di aver scelto un’immagine molto forte, ma è quello che hanno vissuto Maria e Giuseppe che alla loro richiesta di aiuto si sono sentiti rispondere no da tutti. Lo stesso no che è detto oggi a quell’umanità bisognosa che bussa alle nostre porte”.

“Vogliamo sottolineare che noi, e fortunatamente non solo noi, nonostante il clima di ostilità e rancore, vogliamo continuare ad accogliere e a praticare un’ospitalità fatta col cuore, di calore, che vuole rompere solitudini e abbandoni, e non un’ospitalità meramente assistenziale – conclude donVirginio –. Questo per noi è il senso del Natale e l’attualità della Natività”.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia