criminalità

Mafia, maxi blitz tra Palermo e Milano: 91 arresti nel clan Fontana

Gestivano il business del caffè, finiti in manette a Rozzano già un anno fa. Tra gli arresti un concorrente del Grande fratello.

Mafia, maxi blitz tra Palermo e Milano: 91 arresti nel clan Fontana
12 Maggio 2020 ore 10:10

Mafia, maxi blitz tra Palermo e Milano: 91 arresti nel clan Fontana.

Mafia, maxi blitz tra Palermo e Milano: 91 arresti nel clan Fontana

L’asse della malavita partiva da Palermo e arrivava alle porte di Milano. È scattata all’alba di oggi la maxi operazione della guardia di finanza di Palermo con 91 ordinanze di custodia cautelare in carcere per gli affiliati del clan dei Fontana dell’Acquasanta, legati a doppio filo a Totò Riina e da anni in Lombardia dove si occupavano principalmente di torrefazione e commercio di caffè.

Gli arresti

In Lombardia sono stati arrestati i fratelli Gaetano, Giovanni e Angelo Fontana. In manette anche Rita, figlia del boss Stefano, e Angela Teresi, la moglie. Esattamente un anno fa Rita veniva arrestata in un’operazione condotta dai finanzieri del nucleo di polizia economico-finanziario di Palermo, in collaborazione con lo Scico e il coordinamento della Dda di Palermo. La Cafè Moka special e la Masai caffè venivano sequestrate. E ancora: un mese prima, era stata sequestrata alla famiglia Fontana, nello specifico a Gaetano, altro figlio del boss, una gioielleria milanese in via Felice Cavallotti.

Le perquisizioni

Le perquisizioni a casa dei Fontana avevano inoltre consentito di scoprire un tesoro tra soldi e gioielli. Averi e proprietà che non corrispondevano al basso reddito dichiarato. La figlia del boss Rita, un anno fa, dopo l’operazione, si era affrettata a specificare che “il Tribunale del riesame di Palermo ha annullato l’ordinanza di custodia cautelare riguardante il provvedimento denominato “coffee break” sia per me che per mio fratello Fontana Giovanni perché siamo totalmente estranei ai fatti che ci accusavano, e non per incompetenza territoriale come qualcuno ha scritto. Sono una persona nuovamente incensurata perché qualunque accusa a mio carico è crollata, richiederò il risarcimento danni allo Stato per ingiusta detenzione”.

500 uomini impiegati nel blitz

Oggi la nuova operazione, con 500 uomini della guardia di finanza impegnati da questa notte e sequestri di società e beni per 15 milioni di euro. L’indagine è coordinata dal procuratore capo di Palermo Francesco Lo Voi, dall’aggiunto Salvatore De Luca e dai sostituti Amelia Luise, Dario Scaletta e Roberto Tartaglia. Nell’indagine compare anche il nome di Daniele Santoianni, ex broker di una società fallita che aveva provato a sfondare come concorrente nella casa del Grande Fratello 10.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia