Menu
Cerca
Un arresto e una denuncia

Machete, droga e tirapugni in casa a Pioltello, nei guai due giovani

I Carabinieri hanno effettuato una perquisizione domiciliare a seguito di una rapina avvenuta ai danni di un18enne.

Machete, droga e tirapugni in casa a Pioltello, nei guai due giovani
Cronaca Martesana, 21 Marzo 2021 ore 12:29

Machete, droga e tirapugni sono stati trovati in un'abitazione dai militari, intervenuti a seguito della denuncia di un giovane rapinato.

Machete, droga e tirapugni in casa a Pioltello

Nella mattinata di ieri, 20 marzo 2021, in via Platone a Pioltello, i Carabinieri della Stazione di Cassina de' Pecchi hanno eseguito un decreto di perquisizione domiciliare emesso dalla Procura della Repubblica di Milano, presso l’abitazione di un 19enne e di un 17enne, entrambi italiani.
Il decreto è stato emesso nell’ambito dalle indagini avviate in merito alla rapina avvenuta alle 21.30 circa del 16 febbraio 2021 a Pioltello ai danni di un giovane 18enne italiano, il quale aveva riferito di esser stato avvicinato da due sconosciuti con il volto travisato da scaldacollo. Uno di loro, armato di tirapugni, lo aveva colpito al volto e gli aveva preso il telefono cellulare per poi allontanarsi insieme al complice.

Un arresto e una denuncia

All’esito della perquisizione domiciliare sono stati rinvenuti un tirapugni, verosimilmente utilizzato per colpire la vittima della rapina, un machete con lama di circa 35 centimetri, una custodia porta tonfa (un'arma tradizionale delle arti marziali), tre martelletti frangivetro e inoltre circa 127 grammi di hashish, un bilancino di precisione e la somma in contanti di 4.115 euro in banconote di vario taglio, provento di cessione illecita di droga. I Carabinieri hanno pertanto tratto in arresto il 19enne per detenzione di sostanze stupefacenti e contestualmente denunciato in stato di libertà per il medesimo reato il minorenne, che è stato affidato ai familiari. Gli oggetti rinvenuti e l'hashish sono stati quindi posti sotto sequestro, mentre l'arrestato è stato trattenuto nelle camere di sicurezza in attesa di giudizio di convalida.