Biometano

L’opposizione di Masate chiede la testa del presidente del Cda di Cem

Dopo la lettera inviata ai sindaci per chiedere di non avviare azioni giudiziarie contro l'autorizzazione rilasciata all'impianto proposto da Energa

L’opposizione di Masate chiede la testa del presidente del Cda di Cem
Trezzese, 13 Ottobre 2020 ore 12:01

L’opposizione di Masate ha presentato una mozione per impegnare sindaco e Giunta a operare per chiedere le dimissioni di Giovanni Mele.

L’opposizione di Masate vuole le dimissioni di Mele

Una mozione per chiedere le dimissioni del presidente del Cda di Cem Giovanni Mele. A presentarla sono stati gli esponentti del gruppo di minoranza Rinnoviamo Masate. A far andare su tutte le furie Davide Facchinetti e Alessandro Vallerini, è stata la lettera che Mele ha inviato nei giorni immediatamente precedenti alla scadenza dei termini per la presentazione del ricorso al Tar contro l’impianto di biometano proposto da Energa, ai sindaci di Masate, Basiano, Bellinzago, Inzago e Trezzano Rosa, chiedendo di soprassedere dall’avviare azioni giudiziarie. La lista di opposizione ha sottolineato infatti, come il presidente di Cem, il consorzio Est milanese che si occupa della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti, non abbia alcun titolo per interferitre su decisione che competono ad altri enti.  Da qui la decisione del gruppo di presentare una mozione per impegnare il sindaco e la Giunta a operare in ambito Cem per richiedere formalmente le immediate dimissioni di Mele.

 

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia