Parapiglia

Litiga con un venditore porta a porta e lo insegue con una mazza

Il fatto è avvenuto giovedì 4 febbraio 2021 in pieno centro a Grezzago. Alla fine sono dovute intervenire due pattuglie dei Carabinieri per placare lo scatenato residente.

Litiga con un venditore porta a porta e lo insegue con una mazza
Cronaca Trezzese, 06 Febbraio 2021 ore 09:09

Un acceso diverbio tra un venditore porta a porta e un residente si tramuta in violenza, con tanto di inseguimento con una mazza,  colluttazione e intervento finale dei Carabinieri. Il fatto è avvenuto  a Grezzago.

Lite violenta tra un residente e un venditore porta a porta a Grezzago

Parapiglia giovedì pomeriggio in pieno centro a Grezzago. Sono infatti dovute intervenire due volanti per sedare un violento alterco sfociato in un inseguimento a piedi per le vie del centro storico del paese. Tutto è nato da un acceso dialogo tra un venditore porta a porta   e un residente. Non si conoscono i motivi che hanno scatenato il diverbio, ma sta di fatto che a un certo punto è scattata la violenza. Alcuni testimoni hanno raccontato di avere visto il venditore ambulante correre  a perdifiato per le stradine del centro storico di Grezzago con alle calcagna il suo inseguitore che in una mano imbracciava una mazza, tentando invano di colpirlo. Una scena quasi da film, che ha attirato l'attenzione di tutti coloro che in quel momento si trovavano in strada.

Alla fine l'inseguito è stato raggiunto ed è scattata la colluttazione. Il venditore ambulante è stato colpito al fianco da un calcio, mentre chi lo tallonava a sua volta è stato preso di striscio sul naso.

L'arrivo dei Carabinieri

Qualcuno, vedendo la situazione e temendo potesse ulteriormente degenerare, ha pensato bene di chiamare la Forza pubblica. Sul posto dopo pochi minuti sono giunte due pattuglie dei Carabinieri, provenienti dalle vicine caserme. I militari hanno avuto il loro bel da fare per placare gli animi e  per cercare di ricostruire l'accaduto.

Alla fine entrambi i contendenti, seppur acciaccati, hanno rifiutato le cure mediche. Gli uomini dell'Arma hanno quindi sequestrato la mazza al proprietario e refertato tutti i presenti che in quel momento si trovavano nel parcheggio di piazza Aldo Moro ad assistere alla violenta lite per cercare di ricostruirla nei minimi dettaglio. Al momento i due coinvolti non hanno sporto denuncia.