Liliana Segre conferita la cittadinanza onoraria anche a Melzo

La senatrice sarà invitata a ritirare l'onorificenza direttamente in città, altrimenti una delegazione le farà avere la targa in via privata.

Liliana Segre conferita la cittadinanza onoraria anche a Melzo
Melzese, 11 Febbraio 2020 ore 12:05

Anche la città di Melzo è tra i Comuni che hanno scelto di conferire la cittadinanza onoraria alla senatrice a vita Liliana Segre.  Ieri, lunedì 10 febbraio 2020, il Consiglio comunale ha votato all’unanimità per concedere l’onorificenza alla donna scampata al campo di concentramento.

Cittadinanza a Liliana Segre

A proporla è stata il sindaco Antonio Fusè che ha argomentato la scelta con un lungo intervento apprezzato sia dalla maggioranza che dalla minoranza. “Quei fatti che tanto ci sembrano lontani nel tempo e nei luoghi, in realtà sono vicini a noi – ha detto  – Non dobbiamo dimenticare che quelle persone che hanno compiuto quei gesti terribili erano esattamente come noi, magari avevano gli stessi valori e sicuramente non sono impazziti di punto in bianco. Ma alcuni di loro hanno diffuso il germe dell’odio convincendo i cittadini che una determinata minoranza era pericolosa per loro e per i loro figli. Il resto venne di conseguenza, nel silenzio e nell’indifferenza di molti. Tutto questo oggi non deve più accadere e credo che ogni iniziativa che ha come finalità quella di mantenere viva la memoria vada sostenuta”.

Concordi all’unanimità

Maggioranza e minoranza si sono trovati unanimi nello sposare l’atto promosso dal primo cittadino. “L’odio che si vive in questo periodo storico non può essere l’eredità che lasciamo ai nostri nipoti – ha commentato Pinuccia Banfi del Pd – La cittadinanza alla senatrice Segre è doverosa per quello che ha fatto, ma anche un monito per le future generazioni affinché non si debba mai più parlare in futuro di antisemitismo”. I rappresentanti delle Liste civiche, Aurora PalermoSilvia BombelliLuca Mosconi hanno proiettato e fatto ascoltare alcuni passaggi dei discorsi pronunciati dalla Segre di fronte al Parlamento europeo. “La memoria non è qualcosa che resta lì, ma va tenuta viva per ricordare di cosa sia capace la natura umana”, ha aggiunto il pentastellato Stefano Palilla. Anche il centrodestra ha sposato appieno il conferimento della cittadinanza onoraria, con il leghista Mauro Andreoni, Enrico Danesi di Forza Italia e Antonio Camerlengo di Cambiamo che hanno espresso le loro riflessioni sulla questione.

Liliana Segre invitata in città

A conclusione  intervenuto anche il presidente del Consiglio comunale Giacomo Tusi che ha sintetizzato le vari posizioni ed espresso a nome della città la soddisfazione per la scelta presa all’unanimità. L’amministrazione comunale, dopo aver ricevuto il mandato unanime del Consiglio comunale, ha deciso di realizzare una targa da consegnare alla senatrice. Per far ciò la prima strada sarà invitarla in città per un incontro aperto all’intera cittadinanza, dove conferire il titolo e al tempo stesso coinvolgere i melzesi in un momento di riflessione. Nel caso in cui la senatrice 90enne non riesca a rispondere positivamente all’invito, sarà una delegazione consiliare a conferirle direttamente la targa in via privata.

TORNA ALLA HOME PAGE PER IL RESTO DELLE NOTIZIE. 

Video più visti
Foto più viste
Top news regionali
Il mondo che vorrei
Amici della neve