Cronaca
Dopo le indagini

Lancio di molotov al centro vaccinale: in carcere due no vax

Due bresciani sono indiziati dei delitti di atto di terrorismo con ordigni micidiali o esplosivi e porto e detenzione di armi da guerra.

Cronaca 01 Maggio 2021 ore 09:29

I fatti risalgono allo scorso sabato 3 aprile. Due bottiglie incendiarie erano state lanciate contro il centro vaccinale di via Morelli, a Brescia. La struttura, fortunatamente, non aveva subito grossi danni e poche ore dopo l’increscioso episodio aveva ripreso a funzionare correttamente. Esattamente un mese dopo, sono stati arrestati i due responsabili.

Lancio di molotov al centro vaccinale: in carcere due no vax

Due no vax. Ecco chi si celava dietro l’attacco al centro vaccinale di via Morelli. In carcere sono finiti Paolo Pluda (di Brescia) e Nicola Zanardelli di (Monticelli Brusati).

Le indagini, condotte in tempi brevi anche mediante il ricorso alle intercettazioni telefoniche ed ambientali, si sono subito concentrate sull’analisi dei sistemi di videosorveglianza e rilevazione targhe dei veicoli presenti sul territorio del Comune di Brescia, consentendo di individuare quello utilizzato dai rei per raggiungere l’area teatro del fatto criminoso e indirizzare le investigazioni sulla figura di Paolo Pluda, il quale, sebbene incensurato e mai emerso in indagini di criminalità eversiva, evidenziava una convinta adesione alle tesi negazioniste e no vax , con una marcata ostilità nei confronti delle Istituzioni in relazione alla gestione della crisi sanitaria in atto.

La notizia completa puoi leggerla gratuitamente sull'articolo dei colleghi di PrimaBrescia.it.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter