La sorella di Fatima: “Credo che sia morta in Siria”

La sorella di Fatima: “Credo che sia morta in Siria”
22 Febbraio 2017 ore 09:03

Maria Giulia Sergio, la prima foreign fighter italiana condannata a 9 anni di carcere per aver lasciato, nel settembre del 2014, la sua residenza di Inzago ed essere andata in Siria insieme al marito, l’albanese Aldo Kobuzi, per arruolarsi nelle milizie dell’Isis con il nome islamico di “Fatima”, potrebbe essere morta nei territori del Califfato.

A ipotizzarlo è stata la sorella, Marianna Sergio, durante una serie di dichiarazioni spontanee rese nell’aula del processo d’appello che la vede imputata insieme ad altre quattro persone per terrorismo internazionale.

“Era malata, credo sia morta”, ha detto Marianna davanti ai giudici.

Un’amica della famiglia aveva già ipotizzato, in esclusiva per la Gazzetta, che la guerrigliera possa essere deceduta visto che non aveva più contattato nessuno.

Tutti i dettagli nella prossima edizione del giornale in edicola e sul nostro portale web, nella versione sfogliabile online per smartphone, tablet e pc 

 


Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia