"La passione di Yara", in campo per sostenere gli adolescenti

Il torneo di calcio per la categoria Pulcini si disputerà domenica 9 settembre al Centro sportivo di Valbrembo.

"La passione di Yara", in campo per sostenere gli adolescenti
03 Settembre 2018 ore 17:08

(nella foto da sinistra: l’onorevole Cristian Invernizzi, Fulvio Gambirasio, l’Assessore regionale allo Sport Cambiaghi, Clara Mondonico e il consigliere Giovanni Malanchini)

Calcio e solidarietà, soprattutto attenzione e sostegno per le passioni sportive e artistiche dei giovani con famiglie in difficoltà economica o che si trovano in un contesto sociale problematico. E’ questo il torneo di calcio per la categoria Pulcini “La Passione di Yara” che domenica 9 settembre al Centro sportivo di Valbrembo vedrà partecipare 16 squadre di livello locale e di spessore nazionale, tra le quali Inter, Juventus, Atalanta e Torino.

Patrocinio regionale

La manifestazione sportiva, che ha il Patrocinio del Consiglio regionale, è stata presentata oggi a Palazzo Pirelli, alla presenza di Fulvio Gambirasio, papà di Yara e consigliere dell’associazione “La Passione di Yara”, Angelo Dossi, consigliere dell’associazione, Walter Mazzoleni, presidente dell’Accademia Calcio, tra gli organizzatori dell’evento, Clara Mondonico, figlia di Emiliano Mondonico e testimonial del Torneo e Giovanni Malanchini (Lega), Consigliere Segretario dell’Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale della Lombardia. Presenti anche l’Assessore regionale allo Sport Martina Cambiaghi, l’onorevole Cristian Invernizzi e il sindaco di Valbrembo Elvio Bonalumi.

“Questa manifestazione – ha detto Giovanni Malanchini – è la dimostrazione di quanto profondo e radicato il nostro associazionismo che in silenzio e senza clamore riesce a dare risposte sociali importanti. E’ per queste ragioni, per valorizzare le idee buone che nascono dai territori, che Palazzo Pirelli ha voluto essere in prima linea a sostenere questa iniziativa dando al Torneo La Passione di Yara il patrocinio del Consiglio regionale”.

Lo sport contro la violenza

Parole di elogio alla manifestazione sono arrivate anche dall’assessore regionale allo Sport Martina Cambiaghi, che ha sottolineato come oggi la “pratica sportiva è un mezzo contro ogni tipo di violenza perché insegna lealtà, regole ed educa al rispetto dell’avversario”, mentre l’onorevole Cristian Invernizzi ha parlato di “una bella pagina da valorizzare”. Un ringraziamento e un sostegno agli organizzatori del Torneo è arrivato anche dal Presidente del Coni Giovanni Malagò con un videomessaggio.

“Questa manifestazione – ha detto la figlia di Mondonico, Clara – porta avanti i valori di mio padre che sono quelli dell’amicizia e del rispetto delle regole, in campo e nella vita”.

Fulvio Gambirasio ha voluto lanciare un pensiero ai tanti volontari che sono al lavoro da febbraio per la buona riuscita della manifestazione e ai Pulcini che”sono la rappresentazione della passione semplice e pura del gioco del calcio”.

La storia del torneo

Il Torneo nasce nel 2015 come primo evento promosso dall’Associazione “La Passione di Yara” voluta su iniziativa dei coniugi Gambirasio dopo la morte della figlia, il cui corpo fu trovato nelle campagne vicino a Bramate tre mesi dopo la scomparsa, con l’obiettivo di perseguire finalità di solidarietà sociale. Il ricavato dell’iniziativa sarà devoluto all’associazione “La Passione di Yara Onlus” per sostenere i progetti già in corso e per concretizzare sempre più piani di sostegno nei confronti di adolescenti di tutta Italia. L’associazione, tramite un sostegno economico ed educativo, si preoccupa infatti di sostenere le passioni sportive, culturali e artistiche dei giovani con famiglie in difficoltà economica o in un contesto sociale problematico.

TORNA ALLA HOME