Cronaca
Emergenza Coronavirus

La parrocchia di Cassina de' Pecchi getta la spugna: niente centri estivi per i più piccoli

Via invece a una proposta di vacanza a Ponte di Legno per i ragazzi di quinta elementare e delle medie. Il parroco: "Paradossalmente questo è più semplice da organizzare".

La parrocchia di Cassina de' Pecchi getta la spugna: niente centri estivi per i più piccoli
Cronaca Martesana, 21 Giugno 2020 ore 13:52

Troppe le incombenze per rispettare le nuove disposizioni sanitarie in materia di Coronavirus. Così la comunità pastorale di Cassina de' Pecchi ha deciso di annullare i centri estivi per i più piccoli. Ma c'è una proposta per i ragazzi di quinta elementare e delle medie: una vacanza in montagna a gruppi di quaranta per nove giorni. Paradossalmente in questo caso è più semplice.

Niente centri estivi

I rapporto tra il numero dei bambini e gli educatori (ogni 7 ce ne vuole uno) e le altre prescrizioni hanno indotto il parroco, don Massimo Donghi, a concordare di rinunciare ai centri estivi per i più piccoli. Le due scuole per l'infanzia paritarie potranno così concentrare le proprie energie sulla ripresa di settembre. Per i più grandicelli invece, c'è un coraggioso e interessante programma a Ponte di Legno (Sondrio).

Nella Gazzetta della Martesana

Tutti i dettagli nell'edizione della Gazzetta della Martesana in edicola e nell'edizione sfogliabile online per smartphone, tablet e Pc da sabato 20 giugno 2020.

TORNA ALLA HOME PAGE PER LE ALTRE NOTIZIE DEL GIORNO.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter