Cronaca
Maxi sequestro

La Finanza sequestra beni per un milione di euro in Martesana

Il titolare dell'azienda aveva trasferito la società e tutto il suo patrimonio in Ungheria per evitare di pagare le tasse.

La Finanza sequestra beni per un milione di euro in Martesana
Cronaca Martesana, 28 Gennaio 2022 ore 11:13

Un'operazione della Guardia di Finanza che ha preso avvio dalla Provincia di Padova, ma che ha dato i suoi frutti in Martesana. La Procura della Repubblica ha disposto sequestri di beni per un valore di circa un milione di euro. Nel mirino Cernusco sul naviglio, Cassina de' Pecchi e Vignate.

L'operazione della Guardia di Finanza

I militari del Nucleo i Polizia economica finanziaria della Gdf hanno dato esecuzione a un decreto di sequestro preventivo  su beni intestati a una holding immobiliare con sede a Galzignano Terme (Padova). Nel registro degli indagati due persone cui sono stati contestati i reati di sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte e auto-riciclaggio.

Le indagini hanno consentito di riscontrare come un avvocato internazionalista, per evitare di saldare le imposte dovute dalla società e dal suo titolare (nel frattempo deceduto), su mandato dello stesso ha trasferito tutte le quote dell'immobiliare italiana a una società ungherese, poi reintestandole a un prestanome e trasformando l'impresa domestica in una società semplice.

In questo modo ha potuto raggirare il fisco e  al tempo stesso salvaguardare le finanze e il patrimonio dell'azienda precedentemente battente bandiera Tricolore (in verticale e non in orizzontale però).

Sequestrati sei immobili

Il sequestro preventivo è stato applicato su sei immobili ubicati a Cernusco sul Naviglio, Cassina de'Pecchi, Vignate e Merate (provincia di Lecco), per un valore complessivo di circa un milione di euro. Questo patrimonio di proprietà dell'immobiliare fungerà da garanzia del credito erariale.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter