Cronaca

Insultarono il sindaco digitalmente, assolti dal giudice

Insultarono il sindaco digitalmente, assolti dal giudice
Cronaca Martesana, 21 Luglio 2017 ore 16:09

Il sindaco Danilo Villa «tradì il patto dei tigli» e con un colpo di mano permise agli operai del Comune di Trezzo di abbattere quegli alberi sui quali loro stessi nei giorni precedenti avevano manifestato per tutelarli, arrivando persino a incatenarsi.

A quel punto volò qualche ingiuria e qualcuno si prese poi la briga di inondare la casella di posta elettronica del borgomastro con una serie di critiche condite da epiteti.

Era il giugno 2013 e lui li aveva poi querelati, ma dopo quattro anni il giudice ha assolto gli imputati, «autori di critiche aspre, ma entro i limiti», ma soprattutto perché le avevano inviate solo all'indirizzo mail del sindaco.

Il servizio completo sulla Gazzetta dell'Adda in edicola e in VERSIONE SFOGLIABILE WEB per pc, smartphone e tablet da sabato 22 luglio 2017.


Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter