Cronaca

Influenza aviaria a Cernusco parla il Ministero

Utili informazioni dopo il caso in un allevamento

Influenza aviaria a Cernusco parla il Ministero
Cronaca Martesana, 28 Ottobre 2017 ore 15:16

A Cernusco un caso di influenza aviaria in un allevamento. Il ministero della Salute ha diffuso alcune informazioni utili.

Influenza aviaria

A Cernusco un caso di influenza aviaria in un allevamento.

Allerta aviaria polli infetti a Cernusco

Si tratta di un’infezione dei volatili causata da virus influenzali del tipo A. Può interessare sia gli uccelli uccelli selvatici sia quelli domestici (per esempio polli, tacchini, anatre), causando molto spesso una malattia grave e perfino la morte dell’animale colpito. I virus influenzali appartenenti al tipo A possono infettare anche altri animali (maiali, cavalli, delfini e balene) nonché l’uomo. Ma quest’ultimo non è il caso di Cernusco, come assicurato dal sindaco Ermanno Zacchetti.

Le indicazioni

Ma come si trasmette l’influenza aviaria nei volatili? Alcune specie di uccelli acquatici fungono da serbatoi del virus. Lo ospitano nell'intestino, anche senza mostrare una sintomatologia evidente, e lo eliminano con le feci, con la saliva e con le secrezioni respiratorie. Il contatto di uccelli suscettibili con questi materiali, o con acqua contaminata da questi, determina la trasmissione dell'infezione; la trasmissione fecale-orale è la modalità di trasmissione più comune.

Le rassicurazioni

Per quanto riguarda la trasmissione nell’uomo dallo stesso ministero arrivano rassicurazioni. I virus responsabili di focolai nel pollame in Italia si sono dimostrati sempre poco pericolosi per l'uomo. Le rarissime infezioni segnalate sono state asintomatiche o hanno provocato delle congiuntiviti guarite spontaneamente. È importante ricordare inoltre che nei paesi in cui si sono verificati casi umani gravi, la trasmissione della malattia è avvenuta per uno stretto contatto con volatili domestici attraverso secrezioni e feci disseccate degli animali.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter