Cronaca
All'alba

Incidente mortale in A4: autostrada chiusa tra Trezzo e Seriate

Gravissimo scontro tra quattro camion lungo l'autostrada in direzione Torino. Un uomo ha perso la vita

Incidente mortale in A4: autostrada chiusa tra Trezzo e Seriate
Cronaca Trezzese, 16 Gennaio 2023 ore 08:29

Gravissimo incidente questa mattina all'alba sull'A4, l'autostrada Milano Venezia. Lo scontro è avvenuto all'altezza del chilometro 179 nel tratto tra Trezzo sull'Adda e Seriate in direzione Torino. Per consentire i soccorsi la strada è stata chiusa al traffico.

Incidente mortale in A4

Il sinistro è avvenuto intorno alle 5.11lungo la A4, nel tratto tra Trezzo sull'Adda e Seriate, in direzione Milano, all'altezza del km 179. Nell'incidente  sono rimasti coinvolti quattro camion, uno dei quali ha perso il carico. L'allarme è scattato immediatamente e sul posto, oltre ai Vigili de Fuoco, si sono portate tre ambulanze, un'automedica e l'elisoccorso. Il bilancio del sinistro è drammatico: un uomo di 49 anni è morto, altri tre (di 28, 34 e 45 anni) sono rimasti feriti e portati in ospedale.

Le ripercussioni sul traffico

Inevitabili le ripercussioni sul traffico, andate peggiorando man mano che si avvicinava l'orario di punta degli spostamenti dei pendolari. La Società Autostrade ha deciso di chiudere un tratto della A4, ma all'interno del tratto chiuso il traffico è bloccato con 8 km di coda. Inoltre sono chiuse le entrate di Trezzo sull'Adda e Capriate e Bergamo.

L'autostrada è tornata percorribile verso le 10 di questa mattina, quando è stato possibile riaprirla. Fino a quel momento chi era in viaggio verso Milano ha dovuto uscire a Seriate dove si registravano 4 km di coda e rientrare a Cavenago, dopo aver percorso la SS498 e la A35 Brebemi. Per le lunghe percorrenze si consigliava invece di uscire a Castegnato, percorrere la A35 Brebemi e la A58 Tangenziale esterna di Milano fino all'innesto con la A4. Sul posto erano presenti il personale di Autostrade per l'Italia, la Polizia Stradale, i mezzi di soccorso meccanico e sanitario.

Seguici sui nostri canali