Il Presepe dei Pastur eredità da sei generazioni

Realizzato per la prima volta nel 1938 era diventata un'attrazione persino per gli ufficiali nazisti durante la Seconda guerra mondiale.

Il Presepe dei Pastur eredità da sei generazioni
Melzese, 05 Gennaio 2020 ore 10:39

Una meraviglia artistica e tecnologica realizzata nel 1938. Il Presepe dei Pastur è una meraviglia della tradizione vignatese degna di essere ammirata.

La meraviglia del Presepe dei Pastur

IMG_0487
Foto 1 di 16
IMG_0488
Foto 2 di 16
IMG_0489
Foto 3 di 16
IMG_0490
Foto 4 di 16
IMG_0491
Foto 5 di 16
IMG_0492
Foto 6 di 16
IMG_0493
Foto 7 di 16
IMG_0498
Foto 8 di 16
IMG_0500
Foto 9 di 16
IMG_0484
Foto 10 di 16
IMG_0487
Foto 11 di 16
IMG_0486
Foto 12 di 16
IMG_0484
Foto 13 di 16
storica 1
Foto 14 di 16
IMG_0503
Foto 15 di 16
IMG_0502
Foto 16 di 16

Era il Natale del 1938 quando Giovanni Rencurosi, capostipite della famiglia, decise di realizzare l'opera insieme alla sua famiglia. L'intenzione era quella di ricreare una Natività dove i personaggi fossero rappresentazione delle attività che venivano svolte nella loro azienda agricola. Fu esposto per la prima volta nella loro corte, la Curt di Pastur (i Rencurosi erano inizialmente pastori stanziatisi a Vignate dopo anni di transumanza dalla Bergamasca). L'eccezionalità dell'opera stava non solo nelle figure completamente realizzate a mano, vestiti compresi,  così come nelle casette e nell'ambientazione montana. La vera eccezionalità stava nell'essere uno dei primi presepi "tecnologicamente avanzati". Grazie a un sistema di cinghie, catene e riduzioni, infatti, tutti i figuranti si muovevano all'unisono.

Dai tedeschi alla mostra parrocchiale

Un presepe talmente bello e innovativo che persino gli alti ufficiali tedeschi in tempo di Guerra facevano la fila per vederlo. I nazisti costrinsero i Rencurosi ad allestirlo presso il comando della contraerea di Premenugo e i militari che arrivavano dalla Germania già sapevano della Natività la cui fama aveva raggiunto il Terzo Reich. Con il passare delle epoche il presepe è stato visitabile poche volte, con lunghe pause durate anche vent'anni. Attualmente lo si può ammirare (sino all'Epifania) presso il centro parrocchiale di via Vittorio Veneto a Vignate.

Il racconto completo del presepe, di come sia stato realizzato e delle vicissitudini che hanno coinvolto la famiglia Rencurosi potete trovarlo sul giornale in edicola e nella versione online per Pc, smartphone e tablet. 

Seguici sui nostri canali