Il Cai dice addio ad Angelo Carrera

Una vita passata a scalare montagne insieme agli amici.

Il Cai dice addio ad Angelo Carrera
Martesana, 27 Novembre 2018 ore 10:42

Il Cai è in lutto. Nel primo pomeriggio di giovedì è mancato Angelo Carrera,  cambiaghese e presidente della sezione vimercatese dell'associazione per 28 anni, dal 1964 al 1992.

Il triste addio

Si è spento, all’età di 86 anni, dopo un lungo periodo di sofferenza, a Cambiago, suo paese natale. Il paese da dove, fin da giovanissimo, partiva la sera per raggiungere gli amici del Cai o la mattina presto per scalare le cime e le vette tanto amate. Appresa la notizia della sua scomparsa i soci del Cai di via Terraggio Pace l’hanno voluto, fin da subito, ricordare con una commossa lettera. Una lettera in cui  hanno reso omaggio all’uomo, all’alpinista, al presidente che, a partire dagli anni Sessanta ha dato grande impulso alla crescita del gruppo.

«Sotto la sua guida il  “Cai” ha cominciato a strutturarsi per come lo conosciamo oggi – hanno fatto sapere – Alla sua determinazione si deve l’iniziativa di acquistare la nostra attuale sede. Era il 1981. In soli due anni i debiti sarebbero stati estinti. Era nato nel 1932 e in gioventù fu un forte scalatore. Un amante della montagna, pieno di entusiasmo. Un entusiasmo contagioso per molti giovani  appena usciti dalla Seconda Guerra Mondiale. A lui, appassionato anche di corsa, si deve inoltre la costituzione di quella squadra che per molti anni consecutivi ha vinto la Monza – Resegone».

La storia

Era l’inizio degli anni Settanta. Il Cai contava poco più di  150 soci, provenienti da tutti i paesi limitrofi.  «I suoi ultimi anni sono stati segnati da gravissimi impedimenti fisici – hanno aggiunto i soci e gli amici del Cai –  I figli Maria Rosa e Umberto e i parenti  lo hanno assistito amorevolmente. Per tutti noi andare a trovarlo era motivo di rimpianto. Lo vogliamo ricordare come lo hanno conosciuto quelli che sono stati ragazzi e si sono iscritti al Cai negli anni Settanta: ottimista, concreto, determinato, innamorato della montagna”.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI