Cronaca
La decisione

Il boss della 'Ndrangheta torna a casa a Pioltello dopo 11 anni di carcere

Francesco Manno è tornato a casa a Seggiano per scontare gli ultimi mesi di pena. Ma avrà stringenti vincoli alla sua libertà individuale.

Il boss della 'Ndrangheta torna a casa a Pioltello dopo 11 anni di carcere
Cronaca Martesana, 25 Marzo 2021 ore 07:22

Accordata la detenzione domiciliare a Francesco Manno, il boss della 'Ndrangheta di Pioltello condannato nel 2010 a seguito del processo "Infinito".

Torna a casa il boss della 'Ndrangheta di Pioltello

Tredici anni e sei mesi: questa la condanna che era stata comminata al 60enne per una serie di reati commessi dal 2008 e riconducibili all'attività organizzata condotta dalla "Locale" di Pioltello di cui era vertice insieme al fratello, Alessandro, ancora recluso in penitenziario. Pena cui si somma anche una condanna per una rapina aggravata commessa nell'agosto del 2002.

Già nel 2020 il suo legale, l'avvocato Mirko Perlino, aveva avanzato istanze per chiedere un alleggerimento del regime di custodia cautelare tenendo in considerazione le condizioni di salute del suo assistito. L'uomo è infatti soggetto a diverse patologie che lo obbligano a frequenti visite e contatti con i presidi territoriali.

A dicembre, inoltre, aveva contratto il Covid 19 risultando però asintomatico. Tenendo conto di tutti questi fattori, martedì la Camera di consiglio del Tribunale di sorveglianza di Milano si è espressa favorevolmente sulla sua scarcerazione obbligandolo a trascorrere l'ultimo periodo di pena in detenzione domiciliare presso la sua abitazione di Seggiano.

Arresti domiciliari con pesanti vincoli

I giudici si sono espressi chiedendo un regime particolare di controllo sull'uomo, ossia ponendo ulteriori vincoli alle sue libertà individuali. Per esempio Manno non potrà allontanarsi dalla sua abitazione per più di due ore al giorno per espletare le necessità quotidiane di vita e per motivi di salute dovrà comunque chiedere l'autorizzazione alle Forze dell'ordine prima di potersi spostare.

Inoltre gli è stato fatto divieto di frequentare pregiudicati o soggetti sottoposti a misure cautelari, ma dovrà anche garantire libero accesso alla sua abitazione alle  autorità competenti in qualsiasi orario del giorno.