Sulla Rivoltana

Grave incidente tra moto della stessa comitiva: una si spezza, due feriti FOTO

E' accaduto oggi pomeriggio, sabato, a Liscate: la Provinciale chiusa al traffico per i soccorsi

Grave incidente tra moto della stessa comitiva: una si spezza, due feriti FOTO
Melzese, 10 Ottobre 2020 ore 18:11

Grave incidente tra moto della stessa comitiva: una si spezza, due feriti. E’ accaduto oggi pomeriggio, sabato, a Liscate: la Provinciale Rivoltana chiusa al traffico per i soccorsi.

Grave incidente tra moto sulla Rivoltana

Il sinistro si è verificato oggi, sabato 10 ottobre 2020, poco dopo le 17, nel tratto di Liscate della Sp14. A rimanere feriti sono stati due motociclisti di 56 e 64 anni che viaggiavano in direzione Milano sulle loro moto assieme ad altri amici appassionati di due ruote custom, soprattutto Harley. Arrivati all’altezza del concessionario Mazda, le due moto sono entrate in collisione: una ha terminato la sua corsa fuori strada, spezzandosi e perdendo la ruota e la forcella anteriore. I primi a soccorrere i feriti sono stati gli stessi amici, in attesa dell’arrivo dei soccorsi.

Sul posto Carabinieri, ambulanze, automedica ed elisoccorso in codice rosso

Sul posto sono intervenuti i Carabinieri e il 118, in codice rosso: due ambulanze della Croce verde di Pioltello e della Pav di Vimodrone e un’automedica. Ad essere allertato è stato anche l’elisoccorso. I due feriti, per fortuna, non sarebbero in pericolo di vita. A preoccupare maggiormente sono le condizioni di uno di loro, trasportato all’ospedale San Carlo di Milano in codice giallo. L’altro ferito, invece, è finito al Pronto soccorso di Melzo in codice verde. A occuparsi dei rilievi e della ricostruzione del sinistro sono i Carabinieri della Compagnia di Cassano d’Adda. La Rivoltana è stata chiusa al traffico in entrambi i sensi di marcia per permettere l’intervento dei soccorritori e dell’Arma.

6 foto Sfoglia la gallery

TORNA ALLA HOME PAGE 

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia