Cronaca
L'intervento

Furto in abitazione: inseguimento da film tra ladri, Carabinieri e padrone di casa

Il bilancio finale è stato di un arresto e di un ferito: un amico del derubato investito dai malviventi è finito in ospedale con una frattura a una gamba.

Furto in abitazione: inseguimento da film tra ladri, Carabinieri e padrone di casa
Cronaca Martesana, 23 Gennaio 2023 ore 18:22

Il furto di un'auto a Segrate, su cui erano state posizionate delle targhe asportate da un veicolo in sosta a Cologno Monzese. Poi la "trasferta" in Brianza per mettere a segno un furto in abitazione, terminato con un inseguimento da film che ha visto coinvolti gli stessi malviventi, i Carabinieri, il padrone di casa che si è accorto dell'effrazione e due amici. Uno dei quali alla fine è finito in ospedale con una frattura all'arto inferiore, dopo che la macchina con a bordo la banda gli è passata su un piede.

Il furto in casa scoperto grazie al sistema di allarme collegato al cellulare

I Carabinieri della Tenenza di Paderno Dugnano hanno arrestato un 43enne albanese per tentata rapina, denunciandolo in stato di libertà per ricettazione, porto abusivo d'arma da taglio e violazione delle norme sull'immigrazione. Le manette sono scattate nella serata di sabato 21 gennaio 2023. Il tutto ha avuto inizio quando un 33enne residente a Limbiate, mentre si trovava in compagnia di alcuni amici, si è accorto grazie al sistema di allarme collegato al proprio cellulare che dei ladri si erano appena introdotti all'interno della sua abitazione di via Roma. Quindi ha contattato il 112 e la Centrale operativa della Compagnia dei Carabinieri di Sesto San Giovanni, dirigendosi velocemente verso casa assieme a due amici di 35 e 46 anni.

Arrivati a destinazione, hanno sorpreso quattro persone, di cui due all'interno di un magazzino di pertinenza dell’abitazione, che si sono immediatamente messi in fuga a bordo di un'Audi RS5 coupé. Il proprietario dell'abitazione presa di mira, a bordo della propria Ford Fiesta, ha tentato di impedire la fuga dei malviventi, ponendosi davanti al veicolo dei fuggitivi che, riuscendo a fare retromarcia ed investendo con la ruota il piede destro dell'amico 35enne, sono fuggiti in direzione di Paderno Dugnano inseguiti dal 33enne.

L'inseguimento da film e l'arresto di un malvivente

Giunti a Paderno Dugnano, all'altezza dell'incrocio della Statale 35 dei Giovi con via Nazario Sauro, l'Audi con a bordo i malviventi ha speronato il veicolo della vittima arrestando la marcia. A questo punto i i ladri si sono dati alla fuga a piedi, rincorsi dalla vittima e dai militari della Tenenza di Paderno Dugnano, che intanto avevano raggiunto il veicolo in fuga. I Carabinieri sono riusciti a bloccare un fuggitivo, che poi è risultato essere un 43enne di nazionalità albanese, in Italia senza fissa dimora e con precedenti per reati contro il patrimonio.

L'auto rubata a Segrate e "modificata" a Cologno

I successivi accertamenti hanno consentito di verificare che l'Audi, le cui targhe originali svizzere sono state rinvenute nel bagagliaio, era stata rubata a Segrate. Sul veicolo sono state, invece, applicate targhe italiane, che erano state asportate quello stesso giorno a Cologno Monzese. All'interno dell'Audi, sottoposta a sequestro, è stato rinvenuto diverso materiale provento di furto, tra cui piccoli elettrodomestici e monili ed orologi di valore, oltre a numerosi arnesi da scasso, ricetrasmittenti e un coltello con una lama lunga 17 centimetri.

Addosso il 43enne aveva 2.060 euro in contanti, anch'essi sequestrati. Sono ora in corso le attività per risalire ai complici e ai legittimi proprietari della refurtiva trovata a bordo del veicolo.

Il 35enne, investito dall'Audi su cui sono fuggiti i ladri, è stato accompagnato al Pronto soccorso della clinica San Carlo di Paderno Dugnano, dove gli è stata diagnosticata una frattura del metatarso con una prognosi di 30 giorni. L'arrestato è stato portato dai Carabinieri alla casa circondariale di Monza.

inseguimento carabinieri ladri 2
Foto 1 di 2
inseguimento carabinieri ladri
Foto 2 di 2

Il "trucco" della sostituzione delle targhe

La sostituzione delle targhe sui mezzi usati dai malviventi è solo uno dei trucchi che gli stessi mettono in atto nel tentativo di depistare le Forze dell'ordine e di "neutralizzare" le telecamere installate in molti Comuni in grado di leggere in tempo reale proprio le stesse targhe. Lo riprova un appello lanciato nei giorni scorsi dalla Polizia Locale di Segrate.

Seguici sui nostri canali