Cronaca

Furti e aggressioni sui treni: pesante il bilancio della Polfer

In tutto sono state controllate oltre 1500 persone. 7 Gli arresti e 53 le denunce.

Furti e aggressioni sui treni: pesante il bilancio della Polfer
Cronaca 28 Agosto 2018 ore 16:49

Furti e aggressioni sui treni: pesante il bilancio della Polfer che ha diramato i dati sulla  attività compiuta dagli agenti sui convogli lombardi nel periodo estivo. Diversi, purtroppo gli episodi violenti.

Furti e aggressioni sui treni. L'ultimo episodio

Tutto è successo a Lecco a seguito di una richiesta di intervento da parte di un capotreno. Gli agenti della Polizia Ferroviaria lecchese sono quindi saliti su un convoglio e hanno controllato due passeggeri extracomunitari che hanno subito opposto resistenza. Non solo ma uno dei due ha anche aggredito un agente. Quest’ultimo è stato arrestato mentre il “compagno di viaggio è stato denunciato a piede libero.

Furti e aggressioni sui treni e nelle stazioni

In tutto, nell’ambito dei controllo sono state  1540 le persone identificate, di queste 674 gli stranieri di cui 5 irregolari. 32 le contravvenzioni elevate ai sensi del d.p.r. 753/80, 7 arresti, 53 denunce in stato di libertà, di cui 29 nei confronti di stranieri, 280 treni scortati ad opera della Polizia Ferroviaria della Lombardia.

Borseggi e droga

Due sono gli stranieri, di anni 38 e 61, arrestati per tentata estorsione, ai danni di un cittadino straniero che si è rivolto alla Polizia Ferroviaria di Milano Centrale, i cui effetti personali ed importanti documenti contenuti in uno zaino erano stati rubati. Per la restituzione del maltolto, i due avevano chiesto la somma di 1.500,00 euro. Per arrestarli è stato organizzato un apposito servizio e i due sono stati beccati in flagrante. In manette anche un giovane marocchino che aveva rubato un borsello davanti alla Stazione centrale di Milano.

Turisti nel mirino

Tre sono le donne bosniache denunciate, per furto pluriaggravato ai danni di una di cittadina americana. Le tre sono state notate dal personale in servizio antiborseggio in stazione Centrale mentre si passavano degli oggetti e poi li nascondevano.  Dopo l’intervento degli agenti una delle tre ha consegnato un marsupio rubato a una donna americana. Arresti davanti alla stazione centrale anche per droga. Infine un giovane gambiano, fermato per ricettazione, è stato arrestato dopo aver picchiato un agente.

Militari sui treni

L'episodio lecchese ha provocato la reazione dell'assessore alla Sicurezza della Regione Riccardo De Corato. “Questo episodio evidenzia come, con soli 590 agenti di Polizia ferroviaria e 90 Guardie Particolari Giurate, in tutta la Lombardia, risulti necessario, se non si aumenta il personale della Polfer, impiegare militari nelle stazioni e sui treni” sottolinea De Corato. “Solo così sarà possibile tenere sotto controllo la situazione e riuscire a garantire sicurezza a personale e pendolari”.

Le linee più pericolose

Nel 2016 infatti sono 2.101 gli eventi criminosi e microcriminali verificatisi, di cui, secondo i dati forniti da Focal Point Security, 708 a danno di viaggiatori e personale di bordo. Sempre secondo questi dati, lo scorso anno, invece, le linee più a rischio erano l’S9 (Saronno-Seregno-Milano-Albairate), l’S8 (Milano-Carnate-Lecco), l’S7 (Lecco-Molteno-Monza-Milano) e la Milano- Carnate- Bergamo.  “Ormai da mesi si tratta di una situazione di emergenza” conclude l’assessore. ” Sarebbe opportuno, nelle prossime settimane, fare il punto della situazione, in modo da poter valutare misure adeguate a ripristinare l’adeguato livello di sicurezza sui treni”.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter