Cronaca
Il caso

Fossi pieni di erbacce e allagamenti: la parrocchia porta il Comune in Tribunale

La chiesa locale ha impugnato l'ordinanza dell'Amministrazione di Cambiago che imponeva la pulizia degli scoli per l'acqua piovana

Fossi pieni di erbacce e allagamenti: la parrocchia porta il Comune in Tribunale
Cronaca Martesana, 30 Agosto 2020 ore 11:37

Fossi pieni di erbacce e allagamenti: la parrocchia porta il Comune in Tribunale. La chiesa locale ha impugnato l'ordinanza dell'Amministrazione di Cambiago che imponeva la pulizia degli scoli per l'acqua piovana.

Erbacce, ordinanze e cause legali

Da una parte undici cittadini, la parrocchia San Zenone e l’Istituto per il sostentamento del clero della Diocesi di Milano. Dall’altra l’Amministrazione comunale di Cambiago. Nel mezzo l’ordinanza che l’Ufficio tecnico del Municipio aveva emesso a febbraio, per obbligare i tredici soggetti sopra menzionati a ripulire e ripristinare i fossati di scolo per l’allontanamento delle acque meteoriche che ricadono nei loro terreni e che si affacciano su via 25 Aprile.
Una zona della città soggetta a regolari allagamenti a seguito dei sempre più frequenti e violenti acquazzoni.

Dito puntato contro i fossati pieni di erbacce

Il dito era stato puntato proprio contro quei fossi di campagna a lato della strada, difficilmente identificabili (e a maggior ragione inutilizzabili) per la grande quantità di erba infestante che vi è cresciuta all’interno nel corso del tempo. Peccato che i destinatari dell’ordinanza non siano stati della stessa opinione. Sono tre i ricorsi presentati al Tribunale amministrativo regionale della Lombardia: uno da parte della parrocchia e dell’Istituto per il sostentamento del clero, gli altri due dai restanti proprietari dei terreni di via 25 Aprile. Il tutto con l’obiettivo di ottenere la sospensione e l’annullamento dell’ordinanza.

Tutti i dettagli sul numero della Gazzetta della Martesana in edicola e online da sabato 29 agosto 2020.

TORNA ALLA HOME PAGE PER LE ALTRE NOTIZIE DEL GIORNO.

 

 

Seguici sui nostri canali