Meta raggiunta

Fino a Palermo in bicicletta: 1.600 chilometri sui pedali FOTO

L'impresa del colognese Luca Minervini

Fino a Palermo in bicicletta: 1.600 chilometri sui pedali FOTO
Martesana, 13 Agosto 2020 ore 15:37

Fino a Palermo in bicicletta: 1.600 chilometri sui pedali. L’impresa del colognese Luca Minervini.

Cologno-Palermo in bici: missione compiuta!

Sveglia alle 5 del mattino e poi una media di 130 chilometri al giorno in sella alla sua bicicletta da corsa, direzione Palermo. Capoluogo siciliano che il 30enne colognese Luca Minervini ha raggiunto sabato 8 agosto 2020, al termine di un’avventura “on the road” fatta di fatica e sudore iniziata proprio a Cologno il 27 luglio (con il saluto e l’in bocca al lupo della sorella Chiara, nella foto assieme al ciclista) e terminata dopo 1.600 chilometri lungo lo Stivale. Per raggiungere la meta ha optato per la tratta adriatica, per poi tagliare attraverso gli Appennini. Perché la lunga pedalata è diventata anche l’occasione per rivedere volti che non incontrava da tempo: un amico di lunga data a Fano, i genitori in vacanza a Pineto degli Abruzzi e un collega a Benevento, con cui – complice l’emergenza Covid – non aveva contatti da mesi.

La passione per la bicicletta trasmessa dal nonno

La passione per la bicicletta arriva da lontano. A trasmettergliela è stato il nonno. “Sono il più piccolo dei nipoti, mi ricordo quando da bambino mi portava con lui – ha ricordato con un velo di commozione – Io ero seduto sul portapacchi, senza cuscino. Mamma mia che male…”. Ma la passione non basta. Minervini, infatti, è partito con il “motore caldo” e con 4.200 chilometri di allenamento nelle gambe. “Avrei dovuto partecipare a ottobre a una gara di triathlon, che però è stata annullata per l’epidemia Covid – ha aggiunto il colognese – E allora mi sono chiesto come sfruttare il lungo percorso di preparazione fisica. Lavoro come impiegato in un’agenzia di promozione eventi. Purtroppo, con il lockdown, ho fatto cassa integrazione e rimanendo a casa ho avuto tempo per allenarmi”.

Un’impresa che ha condiviso con un altro colognese

Giovedì 6 agosto ha passato lo Stretto, sbarcando a Messina. “Quando ho saputo che mi sarei trovato davanti la settimana più calda dell’estate mi sono detto ‘ma cosa mi è venuto in mente’, però è andata bene – ha raccontato – Nessun problema meccanico, zero forature”. Poco prima di partire, grazie ai social, ha scoperto che un altro colognese era in procinto di salire in sella. “Abbiamo percorso il primo tratto fino a Parma, poi lui ha proseguito lungo la Cisa, mentre io ho optato per l’Adriatica”, ha concluso Minervini. Ora sta trascorrendo alcuni giorni di relax a Palermo. Poi sarà la volta del viaggio di ritorno che farà in aereo, con la bici (smontata) in stiva. Perché 1.600 chilometri bastano e avanzano. Almeno fino alla prossima maxi pedalata.

10 foto Sfoglia la gallery

TORNA ALLA HOME. 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia