Problema sicurezza

Faccia a faccia tra sindacati e azienda dopo l'incidente sul lavoro a Basiano

I sindacati hanno sottolineato le problematiche che secondo loro dovrebbero essere risolte in breve tempo.

Faccia a faccia tra sindacati e azienda dopo l'incidente sul lavoro a Basiano
Cronaca Trezzese, 30 Dicembre 2020 ore 18:22
Faccia a faccia tra azienda e sindacati sul tema della sicurezza. L'incontro si tenuto questa mattina, mercoledì 30 dicembre 2020 nella sede basianese della Stainless Steel Center (ex Sarinox) di via Alfieri.

Faccia a faccia dopo l'incidente sul lavoro

La richiesta di un tavolo di confronto era arrivata dai rappresentanti delle maestranze subito dopo il grave infortunio sul lavoro occorso il 16 dicembre in cui un addetto è rimasto gravemente ferito a un braccio che era rimasto incastrato in un macchinario. Secondo quanto riferito dai sindacati il lavoratore si trova ancora ricoverato in prognosi riservata, dovrà subire alcune operazioni e ancora non si sa se recupererà la totale funzionalità dell'arto. Per quanto riguarda la dinamica dell'incidente Ats si è riservata di parlare con il lavoratore e di effettuare ulteriori accertamenti. Sembra però che il macchinario non abbia subito manomissioni.

Parola ai sindacati

"Al di là del caso specifico, nel corso dell'incontro abbiamo affrontato il tema della sicurezza in generale - ha spiegato il funzionario Fiom Francesco Furone - Come la mancanza da ormai più di un anno di un responsabile della sicurezza e il fatto che il medico competente non si faccia da tempo vedere in azienda a causa dei mancati pagamenti".

La carenza di personale

Ma non solo. Furone ha sottolineato anche la mancanza di personale passato da 80 a 45 unità e della formazione. "In  questo modo i lavoratori sono costretti a operare su più macchinari con tutte le difficoltà e i problemi che ciò comporta", ha osservato. Ora i sindacati si aspettano che l'azienda provveda a risolvere le criticità. "Speriamo che il brutto episodio capitato il 16 dicembre sia di insegnamento perché non ne accadano altri in futuro", ha concluso