Dall'Asst Melegnano Martesana

Emergenza Covid: novanta ricoverati negli ospedali della Martesana

Rispetto alla scorsa primavera cala il numero di casi gravi: attualmente sono solo sette le persone ricoverate in Terapia intensiva.

Emergenza Covid: novanta ricoverati negli ospedali della Martesana
Martesana, 01 Novembre 2020 ore 09:01

Sono novanta i pazienti Covid positivi ricoverati nei tre ospedali dell’Asst Melegnano Martesana: il Santa Maria delle Stelle di Melzo, l’Uboldo di Cernusco e il presidio di Vizzolo Predabissi.

Novanta ricoverati su cento posti disponibili

La situazione è critica, ma sotto controllo. Sono i numeri a testimoniarlo, un’istantanea che immortala una situazione di emergenza che è ancora ben distante da quanto accaduto la scorsa primavera.  Almeno per quanto riguarda l’Asst Melegnano Martesana che, come tutte le aziende ospedaliere, da due settimane ha già attivato i protocolli per far fronte alla seconda ondata di contagi da Coronavirus. Perché se è vero che a fronte di cento posti disponibili novanta sono già stati occupati, altresì le condizioni dei pazienti sono meno gravi. Lo testimoniano le sole sette persone ricoverati nei reparti di Terapia intensiva.

I posti sono sufficienti, per ora

“A livello regionale è stata istituita una centrale operativa per la gestione delle disponibilità di posti letto e, attualmente, i posti aperti nei nostri ospedali sono sufficienti per far fronte alle nostre necessità”, hanno fatto sapere dalla Direzione generale dell’Asst Melegnano – Inoltre ci hanno permesso di aiutare qualche struttura in difficoltà. Per il momento non siamo stati costretti a trasferire nessun paziente se non quelli che, una volta superata la fase acuta, possono essere gestiti in strutture a minor impatto clinico”.

Un ampio e dettagliato quadro della situazione potete trovarlo sul giornale in edicola e nella versione online per Pc, smartphone e tablet

TORNA ALLA HOME. 

 

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia