Il fatto

Dopo l'arresto del pirata della strada i cittadini applaudono i Carabinieri e il video diventa virale

Le indagini proseguono per identificare il terzo uomo presente a bordo dell’autovettura.

Cronaca 02 Febbraio 2021 ore 09:13

Guida folle nelle vie del centro a Saronno, in priovincia di Monza. Due soggetti arrestati dai Carabinieri con l’applauso dei cittadini. Le indagini proseguono per identificare il terzo uomo presente a bordo dell’autovettura.

Guida folle nelle vie del centro

È iniziato tutto sabato sera tra le vie di Cesano Maderno quando un’autovettura, Alfa Romeo Giulietta, non si ferma all’alt intimato dai Carabinieri ed è scappata a forte velocità.

L’inseguimento prosegue per diversi Km e si conclude, fortunatamente senza tragiche conseguenze, nelle vie affollate del centro di Saronno. L’auto va a sbattere contro le rastrelliere per biciclette presenti nella zona pedonale dove, a quel punto, i tre uomini a bordo scendono per proseguire la loro fuga a piedi.

Uno riesce a scappare mente gli altri due vengono raggiunti e bloccati dai carabinieri dopo un’assurda corsa tra le vie pedonali del centro che si conclude con l’applauso dei cittadini che hanno assistito spaventati a tutta la scena.

Il contributo dei cittadini

Gli stessi cittadini che hanno registrato con i propri cellulari il video dell’inseguimento hanno aiutato gli uomini dell’Arma a ricostruire l’intera dinamica dei fatti. Le indagini proseguono per identificare il terzo uomo presente a bordo dell’autovettura.

Gli altri due soggetti sono stati arrestati per resistenza a Pubblico Ufficiale; all’esito dell’udienza di convalida il Tribunale di Busto Arsizio ha disposto per entrambi misura cautelare degli arresti domiciliari.

Un altro episodio simile il giorno dopo

Sempre nel Monzese anche la sera successiva, domenica 31 gennaio 2021, è andato in scena un altro inseguimento che ha visto un automobilista tallonato dalle Forze dell'ordine. E anche in questo caso l'avventura si è conclusa con un arresto.

Ubriaco, si schianta con l’auto della madre

Era passata da poco la mezzanotte di domenica 31 gennaio 2021, quando un giovane è sfuggito a un posto di controllo  dei Carabinieri di Giussano in quel di Briosco. Ha fatto però poca strada perché poco dopo si è schiantato contro un’auto in sosta, finendo la sua corsa.

Il posto di controllo era a Briosco in via Pascoli, a fuggire un 28enne di origini marocchine, residente nel vicino comune di Renate, pregiudicato per svariati reati in materia di stupefacenti e contro la persona.

Il giovane ha forzato l’ “Alt!” intimatogli e ha intrapreso una pericolosa fuga a fari spenti ad altissima velocità. I militari, sono risaliti velocemente sull’auto di servizio e lo hanno inseguito. Giunto in via Galvani, a causa dell’alta velocità e degli effetti dell’alcol, il 28enne ha perso il controllo della propria autovettura, una Toyota Yaris intestata alla madre, e si è schiantato contro un’auto in sosta.

Ha cercato ancora di scappare anche se ferito

A quel punto per i militari è stato facile raggiungerlo anche se il 28enne, nonostante una lieve ferita sulla gamba sinistra, ha cercato nuovamente di filarsela aggredendo i militari, che però lo hanno bloccato e arrestato.

Si è presto capito perché si era dato alla fuga: la perquisizione personale e dell’auto ha infatti permesso di rinvenire denaro contante e materiale per il confezionamento di stupefacente. Il successivo test etilometrico ha rilevato una presenza alcolemica nel sangue di 1,10 gr/l (il limite massimo consentito per mettersi alla guida, ricordiamo, è di 0,50 grammi/litro).

L’uomo è stato pertanto arrestato per resistenza a pubblico ufficiale aggravata, spaccio di sostanze stupefacenti e guida in stato d’ebbrezza, e trattenuto in camera di sicurezza della caserma di Seregno (MB) dove, ieri mattina, in teleconferenza, si è tenuta l’udienza di convalida e il rito direttissimo al termine del quale è stata confermata l’esigenza cautelare che ha posto il giovane agli arresti domiciliari presso l’abitazione di residenza.