Cronaca

Crocetta: vandalizzata galleria di street art

Quartiere Crocetta: la riqualificazione con l'arte non è sufficiente

Crocetta: vandalizzata galleria di street art
Cronaca Sesto, 22 Gennaio 2018 ore 16:03

Bastano street art e iniziative per riqualificare la Crocetta, uno dei quartieri più periferici e difficili della città?

Vandali in azione

E' successo di nuovo. Una bravata di poco conto all'apparenza, scritte su uno dei lavori di street art dell'artista Neve, ma in realtà è una risposta alla domanda che in molti si sono fatti: basta cercare di riqualificare il  quartiere Crocetta portando gli street artist a dipingere sui muri e organizzando alcune iniziative?

Forse no. L'amministrazione comunale ha cominciato e intraprendere una politica di riqualificazione di uno dei quartieri più periferici e degradati della città. Anche la piazza Stalingrado e i portici dell'ex dancing Copacabana sono stati dipinti da artisti provenienti da tutta la Lombardia attraverso un concorso lanciato proprio dal Comune

Uno dei punti più brutti della Crocetta è proprio il sottopasso che attraversa viale Fulvio Testi, che era stato trasformato in una vera e propria galleria di street art. Un modo per rendere quel luogo più bello e accogliente, ma il disagio dei ragazzi che vivono nel quartiere c'è e si vede.

 

 

L'attacco di Lega Nord

Anche Giacomo Ghilardi della Lega Nord ne è convinto: "I cittadini sono costretti a vivere in un quartiere allo sbando.  Insieme a comitati e residenti mi sono battuto per l'installazione di telecamere in quel pericoloso sottopasso. Mi auguro che presto si prenda visione dei filmati e che vengano individuati i colpevoli di tale scempio, sperando che l'Amministrazione abbia finalmente riparato le telecamere dopo un lungo periodo di inattività e numerosi solleciti".

Grillini in azione

Anche i Grillini sono predenti nel quartiere, hanno raccolto da anni i bisogni e i disagi dei residenti primo tra tutto quelli dei topi che circolano anche nella piazza, e poi i rifiuti.
E di interi condomini in ostaggio dell'illegalità. Il quartiere ormai è diventato una sorta di banlieu, la maggior parte sono immigrati. Se già era uno dei quartieri più brutti di Cinisello, che pagava scelte edilizie sbagliate negli anni '70, oggi è peggio di prima, una grande casba. Il rapper cinisellese Sfera Ebbasta ha ambientato numerosi video nel quartiere per denunciarne droga e criminalità.

 

Seguici sui nostri canali