Una buona notizia

Covid, Trezzano per la prima volta a quota zero

Trezzano non ha più contagi attivi sul territorio: non era mai successo dall'inizio della pandemia

Covid, Trezzano per la prima volta a quota zero
Trezzese, 12 Settembre 2020 ore 09:37

Covid, Trezzano per la prima volta a quota zero. Non era mai successo dall’inizio della pandemia che il Comune guidato da Diego Cataldo non avesse contagi attivi in paese.

Trezzano, zero casi di Covid attivi

Si tratta di un traguardo simbolico e che di certo non segna la fine della battaglia contro il Covid, ma non era mai accaduto dall’inizio della pandemia: Trezzano non ha più contagi attivi. “La nostra prudenza nel gestire le aperture è sempre stata legata anche ai numeri – ha sottolineato il primo cittadino – Abbiamo sempre prestato la massima attenzione, ma non essere mai arrivati a zero era un motivo per alzare ulteriormente il livello di guardia”. Anche Trezzano, come tutta l’Adda Martesana, ha pagato un prezzo importante di fronte alla pandemia: quattro decessi e circa trenta contagi. Aver raggiunto lo zero fa tirare un sospiro di sollievo anche se in tutta l’area i casi sono in salita a causa soprattutto dei contadi “di ritorno” dalle vacanze.

Riaprono senza controlli parchi e cimitero

Un segno di distensione è arrivato anche nei giorni scorsi da Villa Ida. Cataldo ha firmato due ordinanze per ampliare gli orari di apertura dell’Oasi e del parco comunale di via ai Campi e del cimitero, che resterà ora chiuso soltanto il martedì. “Non è più obbligatorio monitorare gli ingressi e questo ci ha permesso di ampliare gli orari – ha sottolineato il sindaco – Resta comunque la necessità di mantenere le distanze e rispettare tutte le indicazioni anti-Covid”.

Nella Gazzetta dell’Adda

Tutte le altre notizie della settimana nella Gazzetta dell’Adda disponibile in edicola e nella versione sfogliabile online da sabato 12 settembre 2020.

Torna alla home per le altre notizie di oggi

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia