il decreto

Coprifuoco alle 22, lockdown nelle Regioni della “fascia rossa”: cosa dice la bozza del Dpcm

Per le Regioni che versano in situazione critica tornerebbe il divieto di spostamento dal proprio Comune. Possibile l'estensione della Didattica a Distanza fin dalla seconda media.

Coprifuoco alle 22, lockdown nelle Regioni della “fascia rossa”: cosa dice la bozza del Dpcm
03 Novembre 2020 ore 21:31

Su tutto il territorio nazionale il coprifuoco scatterà alle 22. Ma per le Regioni che entreranno nella “fascia rossa” tornerebbe il lockdown per almeno 15 giorni.

Lockdown per 15 giorni. La bozza del nuovo Dpcm

Lockdown per 15 giorni, almeno, se i dati non miglioreranno. E’ lo scenario che potrebbe riguardare la Lombardia e le altre Regioni che potrebbero essere inserite nella “fascia rossa” dei territori caratterizzati “da uno scenario di massima gravità e da un livello di rischio alto”. E’ quanto si legge in una bozza del nuovo Dpcm di novembre pubblicata da OrizzonteScuola. In base all’articolo 1-ter (quello appunto dedicato alla “fascia rossa”, saranno vietati oltre agli spostamenti in entrata e uscita da quelle regioni, anche quelli  “all’interno dei medesimi territori, salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute. Sono comunque consentiti gli spostamenti strettamente necessari ad assicurare lo svolgimento della didattica in presenza nei limiti in cui la stessa è consentita. E’ consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza”.

Negozi chiusi

Chiusura anche per tutte  le attività commerciali al dettaglio ad esclusione di quelle che saranno ritenute “necessarie” e definite in un apposito allegato al Dpcm. “Sono chiusi – si legge – indipendentemente dalla tipologia di attività svolta, i mercati, salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari. Restano aperte le edicole, i tabaccai, le farmacie, le parafarmacie”. Stessa sorte anche per gli esercizi pubblici dei servizi alla persona come parrucchieri, estetisti e centri benessere.

Non va meglio per ristoranti, bar e in generale i servizi di ristorazione, che potranno lavorare solo con consegna a domicilio e, fino le 22, ad asporto.

Sport e attività motoria

Sospese tutte le attività sportive, anche nei centri sportivi all’aperto. Per quanto riguarda l’attività motoria come nel lockdown primaverile sarà consentita individualmente solo “in prossimità della propria abitazione purchè comunque nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni altra persona e con obbligo di utilizzo di dispositivi di protezione delle vie respiratorie; è altresì consentito lo svolgimento di attività sportiva esclusivamente all’aperto ed in forma individuale”.

Scuola

Per quanto riguarda la scuola, Didattica a Distanza al 100% anche alle medie fatta eccezione per il primo anno.

Le disposizioni nazionali

Secondo la bozza, su tutto il territorio nazionale il coprifuoco scatterà alle 22. Capienza dei mezzi pubblici ridotta al 50%, e confermata la chiusura di palestre, piscine e palazzetti sportivi ma con possibilità di svolgere attività sportiva e motoria all’aperto nel rispetto delle distanze e in forma individuale. Nel campo scolastico, obbligo di Didattica a Distanza al 100% per le superiori. Confermate anche tutte le altre misure già in vigore, e con queste anche l’obbligo di chiusura al pubblico per bar e ristoranti dalle 18 con la possibilità di consegna a domicilio e, fino alle 22, dell’asporto.

TORNA ALLA HOME

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia