Menu
Cerca
112

Controlli sulla movida milanese dei Carabinieri: 71 sanzioni in una notte

Il bilancio del servizio anti-Covid eseguito nel capoluogo: la maggior parte dei multati sono studenti universitari.

Controlli sulla movida milanese dei Carabinieri: 71 sanzioni in una notte
Cronaca 24 Aprile 2021 ore 11:08

Controlli sulla movida milanese dei Carabinieri: 71 sanzioni nella notte tra ieri, venerdì 23 aprile 2021, e oggi, sabato. Il bilancio del servizio anti-Covid eseguito nel capoluogo: la maggior parte dei multati sono studenti universitari.

Controlli anti-Covid: 71 sanzioni in una notte

I militari del Nucleo Operativo della Compagnia Carabinieri Milano Duomo e del Nucleo Radiomobile, anche a seguito di diverse segnalazioni di assembramenti pervenute al 112, sono intervenuti in diversi punti del capoluogo di Regione per assembramenti e “party” all’aperto. In corso Garibaldi-largo la Foppa e in via Lazzaro Palazzi hanno identificato 32 giovani, intenti a consumare cocktail da asporto in palese violazione della normativa in materia di contenimento del virus. Altro intervento in via Panfilo Castaldi, dove sono stati sanzionati il titolare di un esercizio pubblico (che vendeva alimenti e bevande) e sei avventori trovati nelle adiacenze del locale.

In piazzale Archinto, nel quartiere Isola, i Carabinieri hanno intercettato altri 17 giovani intenti a consumare bevande, verosimilmente acquistate poco prima nei locali pubblici che si trovano nelle vicinanze, ma trovati chiusi all’arrivo delle gazzelle. Infine in corso Como, via Tadino e via Lambertenghi sono stati beccati altri quindici ragazzi, divisi in compagnie di cinque componenti ciascuna, trovati fuori dalle abitazioni senza valida giustificazione e in violazione del “coprifuoco”.

La maggior parte dei multati sono universitari

I trasgressori, per un totale di 71 persone, in gran parte studenti universitari di età compresa tra i 20 e i 26 anni, sono stati sanzionati per il mancato rispetto delle prescrizioni imposte per il contenimento dell’emergenza Covid. Per l’esercizio pubblico controllato sarà formulata la proposta di chiusura provvisoria dell’attività.