Il provvedimento

Classi chiuse per il Covid, ma in via preventiva: a Gessate la decisione fa infuriare i genitori

Ats ha decretato la sospensione delle lezioni in presenza per le classi quarte e quinte di Gessate. Ma i genitori non ci stanno.

Classi chiuse per il Covid, ma in via preventiva: a Gessate la decisione fa infuriare i genitori
Cassanese, 24 Ottobre 2020 ore 14:36

Le classe quarte e quinte della scuola elementare di Gessate sono state chiuse e i bambini resteranno casa per i prossimi 14 giorni. Questa la decisione della direzione scolastica in accordo con Ats Città Metropolitana.

Classi chiuse a Gessate

La comunicazione alle famiglie è arrivata ieri, venerdì 23 ottobre 2020, attraverso una circolare firmata dalla dirigente scolastica del Comprensivo Alda Faipò Regina Ciccarelli.

A seguito del sensibile aumento dei contagi che trova particolare incidenza nella classi quarte e quinte del plesso di Gessate, sentito il parere di Ats Milano che –  a seguito di accurata indagine – prescrive l’attivazione della didattica a distanza per 14 giorni pèer gli alunni di tutte le classi quarte e quinte quale misura alternativa alla chiusura dell’intero plesso

si legge nel documento

Viene disposta la sospensione delle attività didattiche in presenza e l’attivazione della dad per le classi del plesso Diaz  a partire da lunedì 26 ottobre e sino a venerdì 6 novembre.

La rabbia dei genitori

Un provvedimento che ha lasciato esterrefatti molti genitori, specialmente coloro che hanno bambini che frequentano classi dove non sono stati segnalati casi di contagi.

Alcune classi avevano già presentato casi Covid ed erano state messe in quarantena, ma la classe di mia figlia no, nessun caso. Nonostante ciò hanno deciso arbitrariamente di chiudere 14 gg.
ha raccontato una madre
Oltre il danno la beffa. Noi lavoratori non abbiamo diritto a nessun congedo straordinario. Altro che decreto cura Italia!
Rabbia provocata dalle difficoltà che la didattica a distanza porta con sé, come per esempio la necessità di lasciare i bambini in casa con un adulto in grado di occuparsi di loro. Va anche detto, però, che sulla materia la competenza spetta ad Ats che, valutando i singoli casi, decide quali provvedimenti adottare sino all’estremo della chiusura di un’intera sezione.
TORNA ALLA HOME. 
Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia