Cronaca

Ceme, rottura nelle trattative

Ceme, rottura nelle trattative
Cronaca Martesana, 01 Agosto 2017 ore 09:34

"Ceme non può che rimanere esterrefatta di fronte alla lettera ricevuta in data odierna (lunedì, ndr) da parte delle associazioni sindacali FIM-CISL e FIOM-CGIL, con la quale  viene comunicato l’annullamento dell’incontro sindacale già fissato per domani e che costituisce una vera e propria immotivata rottura del tavolo delle trattative".

Con queste parole l'azienda nella serata di lunedì ha diffuso un comunicato riguardante il braccio di ferro sul licenziamento di 97 persone e la chiusura del sito di Carugate.

Dopo l'incontro di settimana scorsa presso il ministero dello Sviluppo economico e il vertice in Assolombarda a Monza di giovedì, da qualche dichiarazione poteva trasparire  uno spiraglio nelle trattative. Invece l'inaspettato forfait per il faccia a faccia di oggi sembra far tornare i nuvoloni. Le parole usate dall'azienda sono durissime.

"Si tratta dell’ennesima riprova di un atteggiamento pretestuoso da parte dei sindacati che, contrariamente alla loro missione di tutela del lavoro, si ancorano a posizioni meramente politiche e, purtroppo, dannose per gli stessi lavoratori loro iscritti - prosegue il comunicato - L’azienda ha infatti presentato, nel corso dell’ultimo incontro sindacale, un articolato pacchetto di misure in grado di garantire concretamente un’occupazione a circa 50 lavoratori dello stabilimento di Carugate, oltre a chiari meccanismi di supporto per il reimpiego dei restanti 35 in aggiunta a dei "ragionati" e congrui incentivi economici". 

Intanto oggi, martedì, il sindaco Luca Maggioni, accompagnato dal questore della Camera Stefano Dambruoso, incontrerà la viceminisrtra del Mise Teresa Bellanova, per discutere della questione.


Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter