Cronaca

Cassina, i murales della discordia

Cassina, i murales della discordia
Cronaca 30 Agosto 2017 ore 09:08

I murales di Villa Magri non sono andati giù a molti e fanno scoppiare il caso anche in maggioranza.

Il tirannosauro che incombe sulla casa in procinto di crollare e gli altri disegni non sono piaciuti all'assessore allo Sport, Sandro Medei, che in Giunta, viste le esperienze precedenti, aveva chiesto inutilmente un bozzetto prima di concedere muri pubblici ai giovani artisti.

L'unica cosa che aveva ottenuto erano alcune foto con lavori realizzati altrove, che però proponevano soggetti molto più rassicuranti, come un orso e un elefante. Ma poi ecco il risultato.

"Al di là del giudizio di merito, mi sento tradito nella fiducia che avevo posto nei colleghi", ha detto Medei.

 Tra questi ultimi in primis c'è Tommaso Chiarella, assessore alle Politiche giovanili: "La Giunta parla con atti - ha detto - C'è un accordo per cui gli artisti dipingono il centro del riuso di prossima inaugurazione come vogliamo noi, in cambio noi concediamo loro due pareti pubbliche. E' il contenuto della delibera votata dall'Esecutivo".