Carabinieri uccisi a Melzo: “Così abbiamo preso il killer”

Il racconto di Pietro Marocco, uno di coloro che contribuì all'arresto di Antonio Cianci nel 1979.

Carabinieri uccisi a Melzo: “Così abbiamo preso il killer”
Melzese, 26 Ottobre 2019 ore 09:10

Era l’ottobre del 1979 quando Antonio Cianci uccise tre carabinieri a Melzo. Una notte di sangue che rimarrà indelebile nei ricordi di chi la visse.

Tre carabinieri uccisi a Melzo

Il maresciallo Michele Campagnuolo, l’appuntato Pietro Lia e il carabiniere Federico Tempini furono giustiziati sull’asfalto della Sp14 all’altezza della rotonda di Liscate. Da quel momento scattò una caccia all’uomo che coinvolse l’intera Compagnia carabinieri di Cassano d’Adda. Prima a Melzo, dove era stato poche ore prima dalla compagna di allora, quindi a Pioltello dove si sapeva avesse frequentazioni.

“L’abbiamo preso grazie a una soffiata”

Tra i militari che hanno dato la caccia a Cianci c’era anche Pietro Marocco, ai tempi carabiniere scelto di stanza a Pioltello. “Abbiamo ricevuto una chiamata al centralino, “dite a Petrosino che ci cercano è in via Roma” – ha raccontato – Lo abbiamo trovato con addosso ancora le pistole usate nell’omicidio. Ma stavolta non è stato abbastanza veloce”.

La memoria a Bussero

A ricordo del loro sacrificio a Bussero una strada, quella che porta al nuovo centro polifunzionale, è stata intitolata da tempo proprio ai “carabinieri caduti”.

Un concerto in memoria

Il resto dell’intervista potete trovarla sul giornale in edicola o nella versione online per pc, smartphone e tablet. Intanto da non perdere il concerto organizzato dall’Anc di Melzo e dalla Filarmonica cittadina il prossimo 3 novembre alle 21. Presso il Teatro Trivulzio di piazza Risorgimento si esibirà la Fanfara del Reggimento Lombardia dei carabinieri.

TORNA ALLA HOME PAGE PER IL RESTO DELLE NOTIZIE. 

 

Video più visti
Foto più viste
Top news regionali
Il mondo che vorrei
Amici della neve