Cronaca
Risarcimento

Cade sullo scivolo a Vimodrone, chiede 36mila euro al Comune

Per l'Amministrazione la colpa è della società che aveva ripristinato il manto stradale a seguito dei lavori di collegamento della rete.

Cronaca Martesana, 12 Luglio 2020 ore 12:54

Cade sullo scivolo su suolo pubblico e si fa male. Parecchio. A distanza di un anno una vimodronese non molla: vuol essere risarcita del danno.

Cade sullo scivolo, chiesto il risarcimento

Una residente a Vimodrone si stava recando presso un esercizio commerciale all’intersezione tra le vie Garibaldi e Fratelli Rosselli quando utilizzando lo scivolo pedonale è caduta rovinosamente a terra. L’episodio è avvenuto nell’aprile del 2019 e la donna, attraverso il suo legale, ha chiesto il risarcimento danni quantificato in oltre 36mila euro. La caduta è stata causata da un dislivello stradale posto sul margine laterale della sede stradale e adiacente allo scivolo. La vimodronese aveva riportato "frattura della testa e collo chirurgico omerale". La riabilitazione non le ha permesso di recuperare in pieno le funzionalità fisiche.

Per il Comune è colpa di una società

"In quel periodo Open fibra aveva ripristinato il manto stradale a seguito dei lavori di collegamento della rete, quindi la richiesta va avanzata alla società e non al Municipio", ha spiegato il vicesindaco Osvalda Zanaboni. Non è però dello stesso parere il legale della donna: "Il Comune, in quanto ente gestore della res publica, ha il dovere di controllare e vigilare affinché il bene pubblico sia tenuto e conservato in maniera integra e tale da non arrecare danno alcuno ai fruitori dello stesso", si legge nella memoria dell’avvocato.

TORNA ALLA HOME PAGE PER LE ALTRE NOTIZIE DEL GIORNO.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter