Cronaca
Crisi economica

Brembate, si fermano i lavori al cimitero

L'azienda incaricata ha rescisso il contratto a causa delle cattive acque in cui versa che non le permettono di completare l'opera.

Brembate, si fermano i lavori al cimitero
Cronaca Isola, 22 Agosto 2020 ore 15:38

Brembate, si fermano i lavori al cimitero: la ditta incaricata ha rinunciato a causa della crisi finanziaria.

Cimitero di Brembate al palo

I lavori di ampliamento del cimitero di Brembate (60 nuovi loculi e 155 ossari) sono partiti lo scorso anno e si sarebbero dovuti concludere nei mesi scorsi. Il Covid ha però scombussolato i piani e ora l'Amministrazione deve correre ai ripari. L'azienda della Val Seriana che si era aggiudicata il bando (con un importante ribasso sulla base d'asta) ha ufficialmente rinunciato all'incarico e ha firmato una risoluzione consensuale del contratto che la legava al Comune. La causa, a detta degli operatori, è la crisi economica acuita ulteriormente dalla pandemia. Ora dovrà sgomberare il cantiere e restituire il camposanto al Comune che poi si muoverà per completarlo. A oggi, del progetto iniziale, risulta terminato circa il 75%.

Il problema delle salme

La fretta della Giunta non è legata alla mancanza di spazi, ma a un'altra emergenza emersa a causa dello stop ai lavori. Per permettere l'ampliamento ventiquattro salme sono state estumulate ed erano destinate ai nuovi loculi, in teoria pronti per aprile. Così non è stato e i resti dei defunti si trovano in questo momento in condizioni provvisorie: quelli cremati nella camera mortuaria e gli altri in colombari non definitivi. "Questa è la priorità: ridare un luogo a queste salme - ha evidenziato il sindaco Mario Doneda - Contiamo di farcela entro la fine dell'autunno".

Nella Gazzetta dell'Adda

Tutti i dettagli e le altre notizie della settimana nella Gazzetta dell'Adda disponibile in edicola e nella versione sfogliabile online da sabato 22 agosto 2020.

Torna alla home per le altre notizie di oggi

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter