Cronaca

Benemerenze Brugherio NOMI E FOTO

Benemerenze Brugherio consegnate a dieci cittadini che sono stati da esempio alla città sabato pomeriggio in occasione della festa patronale.

Benemerenze Brugherio NOMI E FOTO
Cronaca Martesana, 09 Ottobre 2017 ore 09:15

Benemerenze Brugherio consegnate a dieci cittadini sabato pomeriggio in occasione della festa patronale.

Benemerenze Brugherio

Sono state consegnate le benemerenze di Brugherio dal sindaco Marco Troiano sabato pomeriggio nella sala consiliare. Si tratta di un premio conferito alle persone che hanno dato lustro alla città in diversi campi. "Hanno trasmesso dei valori all'intera città, in alcuni casi dopo un tremendo lutto o un periodo di sofferenza", ha prima di tutto rimarcato il primo cittadino.

benemerenze brugherio consegna
Foto 1 di 3

L'Amministrazione

benemerenze brugherio consegna
Foto 2 di 3

Modigliani col sindaco

benemerenze brugherio consegna
Foto 3 di 3

Il gonfalone della banda

La lista dei premiati

I nominativi di tre donne e sette uomini vanno così ad aggiungersi nell’apposito albo ai 10 dei premiati lo scorso 11 dicembre in occasione delle celebrazioni ufficiali per il 150esimo di fondazione del nostro Comune. Ecco quindi la lista delle benemerenze di Brugherio.

Edoardo Acquati

100 anni di vita, 80 dei quali passati nel Corpo Musicale San Damiano Sant’Albino, prima come trombettista, poi come percussionista e ancora oggi come archivista ufficiale per la “Banda”. Un Sandamianese pienamente inserito nella storia della comunità.

Chiara Alleva in Nurizzo

Fondatrice, insieme al marito Costantino, dell’Associazione Marta Nurizzo (ora Fondazione Martalive), si dedica con grande passione, generosità e determinazione a promuovere molte iniziative per sostenere la ricerca sulle neoplasie polmonari e aiutare concretamente i pazienti oncologici e le loro famiglie.

Mauro Ermanno Giovanardi

Sofisticato cantautore ed eccellente interprete, raffinato musicista e profondo conoscitore della musica italiana, una voce e uno stile inconfondibili, una brillante carriera artistica felicemente segnata dall'attribuzione della Targa Tenco. Ha in più portato Brugherio sui più importanti palcoscenici italiani.

Angela Magni vedova Teruzzi

Fondatrice, insieme al marito *Edoardo, dell’ASVAP (Associazione Volontari Ammalati Psichici), impegnata nelle attività di volontariato presso la Comunità Riabilitativa ad Alta Assistenza di Baraggia. Continua infatti anno dopo anno a mantenere viva sul territorio l’attenzione alle persone fragili.

Fiorenzo Martinelli

(alla memoria) (1939-2005)

Nei suoi diciotto anni da segretario generale del Comune, ha messo a disposizione delle diverse amministrazioni, oltre alla sua vasta competenza giuridica, amministrativa e notevole conoscenza dell’organizzazione comunale, uno stile di lavoro che lo portava ad occuparsi sia della programmazione strategica che delle singole procedure, per conseguire gli obiettivi di sviluppo della città che lo aveva adottato e che, ancora oggi, lo ricorda con grande stima e riconoscenza.

Mariella Menchi

Una intera vita, prima da funzionario comunale, poi da amministratrice della città e infine da volontaria nella San Vincenzo, dedicata all'aiuto alle persone in difficoltà di Brugherio, anche attraverso l’ideazione di interventi innovativi, diventati ora patrimonio anche di molte associazioni.

Luciano Modigliani

Sopravvissuto all'inferno della deportazione e dell'internamento. I suoi interventi, specialmente quelli nelle scuole, nei quali racconta della sofferenza estrema vissuta nei campi di sterminio, senza che mai traspaiano né odio né rancore, costituiscono un’opera di alto valore educativo e umano. Trasmettono alle giovani generazioni anche un forte messaggio di pace e di convivenza civile, sempre più attuale nei tempi che stiamo vivendo.

Ubaldo Paleari

Insegnante di religione di moltissime generazioni di brugheresi, autore di numerosi libri e profondo conoscitore del latino, nonché critico cinematografico. Ha inoltre raccontato per anni sui giornali locali gli eventi della città, che ha servito anche come amministratore. Ha in più messo in evidenza le sue doti di equilibrio e pacatezza. Ancora oggi amato e rispettato da tutti per le sue qualità umane.

Gianni Ribolini

(alla memoria) (1942-2010)

Brugherese di nascita, è stato prima di tutto un protagonista della comunità d’arte, fine “dicitore” di poesie in milanese, tra i fondatori della compagnia teatrale Caos, alpinista con il CAI, promotore di viaggi culturali e fotografici e dell’annuale raduno dei “ragazzi di don Enrico” all’oratorio San Giuseppe. Una intera vita dedicata alla sua città, che tanto ha amato e che tanto lo ha amato.

Emilio Sardi

Storico sacrestano della Parrocchia San Bartolomeo, ancora oggi “Emilietto” offre il suo servizio alla comunità parrocchiale cittadina. Ha infatti cresciuto intere generazioni di chierichetti, servito diversi parroci e preti della comunità. Ha in più accompagnato con il canto le celebrazioni liturgiche e ha infine condiviso gioie e dolori della vita di tantissimi brugheresi nei momenti di celebrazione dei sacramenti.

Seguici sui nostri canali