BCC Milano, oggi come ieri, al servizio del territorio

La più grande Banca cooperativa della Lombardia propone un servizio efficace, moderno e capillare

Martesana, 03 Ottobre 2018 ore 07:00

Bcc Milano ha una mission ben definita: «Favorire i soci e gli appartenenti alle comunità locali nelle operazioni e nei servizi di banca, perseguendo il miglioramento delle condizioni morali, culturali ed economiche degli stessi e promuovendo lo sviluppo della cooperazione, (...) nonché la coesione sociale e la crescita responsabile e sostenibile del territorio...».

BCC Milano, attività bancaria e sostegno del territorio

Nelle poche frasi sopra riportate, contenute nello Statuto di BCC Milano, nata ufficialmente il 1° luglio 2017 dalla fusione tra la Banca di Credito Cooperativo di Carugate e Inzago e quella di Sesto San Giovanni, sono sintetizzati gli obiettivi di questa speciale cooperativa che coniuga la tradizionale attività bancaria, finanziaria e assicurativa con la cura delle persone e il sostegno del territorio.

Una storia iniziata nel 1953

La sua storia è iniziata nel 1953, anno di fondazione della Cassa Rurale e Artigiana di Carugate: «Per due decenni siamo stati una piccola banca monosportello e solo nel 1973 abbiamo aperto la prima filiale fuori da Carugate, a Bussero – ha raccontato il presidente Giuseppe Maino – Dagli anni Ottanta la crescita è stata costante e a metà degli anni Novanta siamo diventati Banca di Credito Cooperativo».

Il nuovo millennio

«Quindi ecco il nuovo Millennio, caratterizzato da grandi trasformazioni che hanno modificato radicalmente il quadro intorno a noi non più basato sull’economia rurale, ma sull’industria e sui servizi. Abbiamo raccolto le nuove sfide e modificato il nostro approccio al mercato mantenendo però saldi i nostri valori e valorizzando le nostre  radici di cooperativa di credito. Nel 2002, quando sono diventato Presidente della Banca, ho ereditato una struttura in piena salute, come evidenziato dal suo sempre più cospicuo patrimonio, rivelatasi in grado di affrontare con successo tutte le importanti sfide degli anni a venire».

Le fusioni con le "consorelle"

«Eccoci allora da un lato protagonisti nel sostenere lo sviluppo del territorio continuando a dare credito alle famiglie e alle piccole e medie imprese locali anche nei momenti più difficili, dall’altro chiamati ad assumerci importanti responsabilità verso il Movimento di Credito Cooperativo incorporando, dal 2006 al 2018, quattro banche “consorelle” che avevano evidenziato difficoltà salvando e rivalutando importanti esperienze locali: BCC Lissone nell’ottobre 2006, BCC Inzago nel dicembre 2013, BCC Sesto San Giovanni nell’estate 2017 e, la più recente, Credicoop di Cernusco sul Naviglio nella primavera 2018».

5 foto Sfoglia la gallery

Il prossimo futuro

Ora, come si prospetta il futuro? «Siamo cresciuti molto, ma con costanza e coerenza - ha concluso Giuseppe Maino - Nel breve dovremo consolidare le fusioni non solo dal punto di vista tecnico, ma anche della Compagine Sociale. Entro fine anno, completeremo l’iter per entrare nel nuovo Gruppo Bancario Cooperativo ICCREA con un ruolo da protagonista, come compete alla prima BCC della Lombardia e quinta in Italia. Questo ci permetterà di elaborare una programmazione a lungo termine con serenità, senza tradire le nostre origini. Siamo sempre proiettati verso il futuro con l'obiettivo di cavalcare i cambiamenti restando sempre fedeli ai valori del Credito Cooperativo e all’impegno di portare valore alle comunità dove operiamo. Mettiamo al primo posto la relazione con la clientela, mantenendo una strategia manageriale dinamica e aperta alle innovazioni di canale e di servizio».

BCC Milano in sintesi

La Banca di Credito Cooperativo di Milano, con un patrimonio di 312 milioni di euro e un montante (raccolta e impieghi) di 6 miliardi di euro, è la prima BCC lombarda e una delle prime cinque a livello nazionale. Grazie ai suoi numeri può contare su un indice di solidità patrimoniale (CET1) del 17,85%, oltre cinque punti superiore alla media del Sistema Bancario nazionale. La Cooperativa conta 20.964 Soci e opera con 503 dipendenti e 54 sportelli in 124 comuni di 7 province lombarde (Milano, Monza e Brianza, Lodi, Como, Lecco, Cremona, Bergamo). È una presenza forte e stabile del Credito Cooperativo in grado di fornire, a 90 mila clienti residenti nel suo ampio territorio di competenza, un servizio efficace, moderno e capillare.