Cronaca
Svolta urbanistica

Aree ex Galbani di Melzo, qualcosa si muove: partita la bonifica alle Porcilaie

L'azienda che ha presentato un'offerta d'acquisto ha avuto il via libera per i primi interventi. Intanto è stata prorogata la convenzione del Piano integrato.

Aree ex Galbani di Melzo, qualcosa si muove: partita la bonifica alle Porcilaie
Cronaca Martesana, 10 Gennaio 2021 ore 11:46

Qualcosa si muove nelle aree ex Galbani di Melzo e lo si può notare a occhio nudo. Sono partiti, infatti, i lavori di bonifica delle Porcilaie lungo la Sp 13.

Partite le bonifiche alla ex Galbani

La società che ha presentato un'offerta per l'acquisto delle aree ex Galbani ha ottenuto il via libera per iniziare le opere di bonifica dei terreni acquistati all'asta (il cui completamento deve essere formalizzato con il versamento di 4 milioni di euro entro il 30 aprile). I primi interventi hanno interessato la "Suinopoli" lungo la Cerca dove le ruspe e gli operai hanno proceduto con l'abbattimento delle piante e la rimozione della vegetazione infestante. Diverso discorso invece per i rifiuti posti sotto sequestro dalla Procura di Milano. Per la rimozione di quest'ultimi la procedura pare essere più complessa.

Rinnovata la convenzione urbanistica

Qualcosa si muove anche negli uffici comunali. L'azienda, infatti, ha avanzato la richiesta di rivedere il Piano integrato di intervento che insiste sui 40mila metri quadrati delle aree ex Galbani. Una convenzione urbanistica che sarebbe dovuta scadere a fine dicembre. L'Amministrazione, però, considerando l'affidabilità dell'interlocutore ha deciso di estenderla per ulteriori tre anni. Allo stesso tempo però si è affidata a una società specializzata per affiancare l'Ufficio tecnico a professionisti in grado di dare un contributo nella stesura del nuovo Pii che determinerà il futuro urbanistico della città.

Il servizio completo sulla Gazzetta della Martesana in edicola e in versione sfogliabile web per pc, smartphone e tablet da sabato 9 gennaio 2021.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE.