davide batte golia

App copiata: Facebook condannata a risarcire 3,8 milioni a una società di Cassina

In primo grado il colosso californiano era stato condannato a risarcire solo 350mila euro.

App copiata: Facebook condannata a risarcire 3,8 milioni a una società di Cassina
Cronaca 05 Gennaio 2021 ore 15:38

In primo grado avevano vinto, ma la sentenza, seppur a loro favorevole, aveva il sapore della beffa. Facebook avrebbe dovuto risarcire loro “solo” 350mila euro per aver copiato una App. Ma in appello è arrivata la modifica della sentenza, con risarcimento milionario per una società di Cassina de’ Pecchi.

Copiò un’App: Facebook condannata a risarcimento milionario

La storia affonda le sue radici nel 2012, quando la Business Competence, società di sviluppo software con sede a Cassina de’ Pecchi, inventò un applicativo di nome Faround, che permette di essere geolocalizzati e vedere i locali del circondario (ristoranti, negozi e via dicendo), leggendo anche le recensioni scritte dalla propria rete di amici di Facebook. Lo stesso concetto di Nearby, App creata dal colosso californiano su evidente modello della versione cassinese.

 Il primo grado e l’appello

Da qui era nata la causa, che in primo grado si era risolta con la condanna al risarcimento da 350mila euro da parte di Facebook. Un risultato cui la società della Martesana si era opposta, ricorrendo in appello. E la Corte di Milano ha ritenuto che avesse ragione, tanto da innalzare la cifra del risarcimento a 3,8 milioni di euro, pari al pregiudizio complessivo economico subìto da Business Competence.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE

 

 
Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità