Menu
Cerca

Coltivano il frumento De.Co. da quattro generazioni

Si coltivano anche i frumenti a marchio De.Co.

Coltivano il frumento De.Co. da quattro generazioni
Cronaca Cassanese, 16 Febbraio 2018 ore 08:50

A Truccazzano la famiglia Ceriani tiene molto alle tradizioni e alla natura. E il frumento De.Co. lo fanno da quattro generazioni

Frumento De.Co. dal 1880

Quattro generazioni al lavoro nella stessa cascina da quasi un secolo e mezzo. A condurre ora l’attività di famiglia è Maria Antonia Ceriani, che come fece il nonno ancora semina i grani, che la scorsa settimana sono stati presentati ufficialmente grazie al sostegno di Cogeser con il marchio De.Co, nello stesso campo.
"ll mio bisnonno Giosuè Ceriani è arrivato a Cascina Claudina nel 1880 - ha raccontato la truccazzanese - Qui sono nati mio nonno Angelo nel 1895 e i suoi fratelli. Anche mio papà Giuseppe è nato in cascina nel 1931, e dopo di lui sua sorella Elena e suo fratello Francesco. Fin dal bisnonno si sono sempre occupati di agricoltura e allevamento conducendo il fondo agricolo, prima da fittavoli poi da proprietari".

Attività ripresa

Da allora c’è stata una crescita esponenziale. "Fino al 2005 mio papà ha condotto l’azienda agricola a indirizzo cerealicolo per uso zootecnico, che ha poi chiuso per raggiunti limiti di età - ha spiegato la donna -  Nel 2015, a causa di difficoltà in cui riversava l’azienda per la quale lavoravo, già sposata da tre anni e con due bambini piccoli, ho deciso di riaprire l’azienda agricola alla Cascina Claudina".

Si coltivano frumenti De.Co.

Si coltivano anche i frumenti teneri Ardito e Gentilrosso, ritrovati grazie al progetto dell’Amministrazione che ha portato al riconoscimento prodotto De.Co. Rispetto ai tre grani presentati la scorsa settimana, ne manca uno all’appello. "Nel progetto comunale si contemplava anche il frumento tenero Mentana, che abbiamo fatto davvero fatica a reperire, ma sabato abbiamo potuto piantare poche centinaia di semi consegnati dal Crea (Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria, ndr)", ha concluso Maria Antonia.