Impianto di pirolisi. I Comuni fanno squadra

Al tavolo c'erano Pioltello, Cassina e Vignate. Presto sarà coinvolta anche Rodano.

Impianto di pirolisi. I Comuni fanno squadra
Martesana, 18 Dicembre 2017 ore 12:45

Aperto il tavolo di confronto tra i Comuni interessati all’ipotesi di installazione di un impianto di pirolisi sul territorio di Cernusco sul Naviglio da parte di un’azienda privata che già opera sui territori di Cernusco sul Naviglio e Cassina de’ Pecchi nell’ambito del trattamento dei rifiuti. Come annunciato nei giorni scorsi, il sindaco di Cernusco Ermanno Zacchetti ha promosso ieri un primo incontro con i sindaci e gli assessori all’Ambiente e alla Salute dei Comuni di Pioltello, Cassina de’ Pecchi e Vignate allargando poi l’invito ai prossimi incontri anche al Comune di Rodano.

Impianto di pirolisi. I Comuni fanno squadra

L'obiettivo è discutere insieme  le azioni comuni da mettere in campo per comprendere maggiormente l’impatto che l’ipotesi di attivazione di un nuovo impianto di trattamento dei rifiuti di questo tipo può avere non solo sul territorio di Cernusco, ma anche su tutti i   confinanti.

"Utile coordinarsi"

“Penso che il coordinamento, lo scambio di informazioni e la collaborazione reciproca di amministratori e tecnici sia utile e fondamentale per affrontare una tematica come questa – ha spiegato Zacchetti -  Per questo, oltre ad agire sul piano tecnico attraverso i nostri Uffici nei primi giorni di dicembre inviando a Regione Lombardia alcune osservazioni, ho deciso anche di proporre ai Comuni vicini un tavolo comune, accolto immediatamente da tutti come proposta positiva, per compiere azioni comuni”.

I primi passi delle Amministrazioni

Il primo impegni sarà, oltre alla costituzione del tavolo permanente di confronto, la sottoscrizione di una lettera a Regione Lombardiacon cui verrà chiesta una proroga dei termini per presentare osservazioni da parte degli uffici preposti alla richiesta avanzata dal privato. Nelle prossime settimane gli stessi Comuni si faranno promotori di un’iniziativa per coordinare le azioni con la cittadinanza su questo tema.

"Iniziamo un percorso comune"

“Da qui inizia quindi un percorso comune: dall’incontro di ieri sono già emersi alcuni obiettivi e passi da compiere insieme, nelle prossime settimane torneremo a confrontarci per aggiornarci e continuare in questa direzione – ha aggiunto  Zacchetti - Ricordo che, pur avendo Città Metropolitana su parere tecnico di Arpa  competenze sull’autorizzazione ambientale all’insediamento e che il parere sull’assoggettabilità della pratica a Valutazione di impatto ambientale  è in capo a Regione Lombardia, rimane alla nostra Amministrazione in primis, e a quelle dei Comuni contermini a seguire, il compito di vigilare anche attraverso l’azione di esperti e di avanzare le richieste di chiarimento per ogni passaggio valutativo in capo agli organi competenti. Azioni che con il tavolo di ieri abbiamo di fatto iniziato a coordinare e formalizzare”.