Attualità
Incredibile

Scambiano la lavanderia per un parco giochi. "Rischiano di farsi male"

La titolare è preoccupata per l'incolumità dei ragazzini.

Scambiano la lavanderia per un parco giochi. "Rischiano di farsi male"
Attualità Martesana, 23 Febbraio 2022 ore 11:07

Salgono sui tavoli, si infilano nei macchinari e c’è in passato anche chi ha sfrecciato all’interno della lavanderia a bordo di un monopattino.

Ragazzini giocano in lavanderia

Protagonisti sono alcuni ragazzini che utilizzano il locale del Bolle di pulito di via Badia a Gessate, come un parco giochi. La titolare che si è rivolta ai Carabinieri per sporgere denuncia, non è solo impensierita per i danni che possono arrecare ma soprattutto perché potrebbero farsi male.

«Sono una mamma anch’io e quindi mi preoccupa il fatto dei dei ragazzini di 10 o 11 anni possano entrare in lavanderia (aperta dalle 7 alle 22, ndr), e utilizzarla come un parco giochi - ha detto - Ci sono macchine industriali. E non si può rischiare di rovinarsi la vita per questo».

Sonia, la titolare della lavanderia ha anche sottolineato come sia difficilmente accettabile che dei ragazzini di 10 anni possano essere in giro fino a tarda sera.

«Non mi interessa tanto se sporcano come è già capitato - ha osservato - Certo ho più lavoro da fare, ma pulisco e non succede niente. Ma quando salgono sui tavoli, che sono lì per piegare la biancheria, rischiano di farsi male sul serio. Se cede il tavolo e cadono possono rovinarsi a vita. Lo stesso quando se si infilano nel cestello di una lavatrice o di un’asciugatrice e questo dovesse cedere sotto il peso. E’ un manufatto metallico e potrebbero tagliarsi. Abbiamo macchinari industriali che vanno maneggiati da chi è in grado di farlo. Sbagliando i ragazzi potrebbero anche rimetterci un dito».

Cosparso anche liquido infiammabile

Tra i vari episodi notati da Sonia anche quello di un ragazzo che, dopo essersi servito dalla macchinetta delle bevande, ha trovato nel locale dell’alcol e del liquido disinfettante e li ha sparsi sul pavimento.
«Sono infiammabili - ha osservato la titolare - E se prendono fuoco?».
Sonia ha quindi deciso di rivolgersi ai Carabinieri per sporgere denuncia.

 Il servizio completo nell'edizione della Gazzetta dell'Adda in edicola e nell'edizione sfogliabile online per smartphone, tablet e Pc da sabato 19 febbraio 2022.

Seguici sui nostri canali