Attualità
Iniziativa

Più sicurezza per Segrate, flashmob di Fratelli d'Italia

Dopo il recente fatto di cronaca che ha interessato la città.

Più sicurezza per Segrate, flashmob di Fratelli d'Italia
Attualità Martesana, 22 Gennaio 2022 ore 17:08

Questa mattina, sabato 22 gennaio 2022, gli esponenti di Fratelli d'Italia hanno organizzato un flashmob sulle scale del Centro Verdi per chiedere più sicurezza.

Più sicurezza

Un flashmob sulle scale del Centro Verdi in Largo Carabinieri d'Italia per chiedere al sindaco più sicurezza per Segrate e i segratesi. E' quanto organizzato questa mattina, sabato 22 gennaio, da Fratelli d'Italia Segrate, con la partecipazione dei ragazzi di Gioventù Nazionale Martesana e la presenza dell'onorevole Paola Frassinetti e del presidente del gruppo consiliare regionale della Lombardia Franco Lucente.

Presidio del territorio

Gli esponenti di FdI hanno sottolineato come, a loro giudizio,  il recente fatto di cronaca che ha visto una donna aggredita, violentata e rapinata all'interno di un condominio da un cittadino straniero, pregiudicato e già destinatario di ordine di espulsione abbia fatto emergere l'inadeguatezza dell'Amministrazione nel presidio del territorio. Inoltre hanno ricordato come FdI avesse già presentato un'interrogazione in merito a luglio 2021 ricevendo per risposta "generiche ed evasive promesse di integrazione dell'organico della Polizia Locale che da anni vede una grave insufficienza di uomini e mezzi rispetto alla popolazione e al territorio da presidiare".

"Sindaco - selfie + sicurezza"

"Sindaco - selfie + sicurezza" è stato lo slogan coniato da FdI, slogan che è stato riportato su uno striscione esposto in occasione del flashmob. "Il sindaco - hanno ricordato gli esponenti di FdI - è l'autorità locale di pubblica sicurezza e a lui spetta organizzare, gestire e garantire il controllo del territorio e la sicurezza dei residenti".

Le richieste

Tre le richieste dei rappresentanti di Fratelli d'Italia al sindaco: che esprima immediata e pubblica solidarietà alla concittadina vittima di violenza, offrendo tutta l'assistenza che l'Amministrazione potrà garantirle; che riferisca al Consiglio comunale delle circostanze in cui si è verificato il gravissimo episodio fornendo spiegazioni sulla presenza del soggetto accusato della violenza sul territorio comunale; che presenti al Consiglio un adeguato, credibile e rapidamente attuabile piano di controllo del territorio che delinei con precisione le iniziative che la sua Amministrazione intende mettere in atto per prevenire il ripetersi di nuovi atti di violenza.

 

 

 

Seguici sui nostri canali