Attualità
Polizia Locale

Oltre cento biciclette abbandonate recuperate nei pressi della stazione di Pioltello

Proseguono le attività degli agenti volte a contrastare il degrado urbano e a ripristinare la legalità nelle aree più complesse della città.

Oltre cento biciclette abbandonate recuperate nei pressi della stazione di Pioltello
Attualità Martesana, 28 Novembre 2022 ore 16:57

Altro che ferrivecchi, la Polizia Locale di Pioltello Rodano è stata impegnata in quelle che possono essere considerate pulizie di primavera in anticipo. Nel mirino l'area della stazione ferroviaria e in particolare piazza Garibaldi dove sono state recuperate oltre cento biciclette.

Il cimitero delle biciclette

317317499_166880735966694_6235152730321139646_n
Foto 1 di 5
316823899_166880645966703_452097069888157219_n
Foto 2 di 5
317479672_166880605966707_8435773238505312709_n
Foto 3 di 5
317371315_166880595966708_4343875042470446327_n
Foto 4 di 5
317444114_166880539300047_1362712898311980345_n
Foto 5 di 5

Pulizia di primavera in zona stazione

Prosegue l'attività di contrasto al degrado urbano all'interno della città, promosso dalla Polizia Locale di Pioltello a cominciare con la rimozione e lo smaltimento di carcasse di auto, motorini e biciclette. Proprio quest'ultima sono state nel mirino dell'intervento che si è concluso oggi, lunedì 28 novembre 2022, e che ha visto il proprio focus sull'area della stazione del passante ferroviario e in particolare su Piazza Garibaldi. Zone interessate dalle "pulizie di primavera".

Rimosse oltre cento biciclette

Negli scorsi giorni gli agenti del Comando di via De Gasperi hanno proceduto con l'affissione di cartelli sulle biciclette in stato di abbandono, puntando a velocipedi arrugginiti, rotti o in stato di completo disuso, invitando i legittimi proprietari a rimuoverli dal suolo pubblico entro una certa data. Pena lo smaltimento forzoso. Ed è ciò che è avvenuto oggi, con gli operai che armati di tronchese hanno reciso le catene cui erano legate le biciclette (o ciò che ne restava) e le hanno caricate a bordo di un furgone per poi essere consegnate alle aziende preposte allo smaltimento.

In molti casi si tratta di biciclette appartenute a persone che non abitano più in un quartiere dove il ricambio di residenti è pressoché costante e molto rapido. Non si esclude, però, che altre biciclette siano provento di furto, abbandonate in piazza Garibaldi e mai più recuperate dal legittimo proprietario.

Un intervento a carico della comunità

Come nel caso delle auto o dei motorini, quando il Comune interviene con la rimozione forzosa dei veicoli tutti i costi sono in capo all'ente che poi può rivalersi nei confronti dei legittimi proprietari laddove ci siano e siano conosciuti. Al di là delle spese, però, l'intervento di pulizia straordinaria è volto a contrastare  il degrado urbano, ma anche a ripristinare una sensazione di sicurezza e di legalità anche nelle aree più difficili ed esposte alla microcriminalità.

Seguici sui nostri canali