Attualità
dibattito

Negoziare la pace in Ucraina, istruzioni per l'uso con l'ex ministra Roberta Pinotti

Organizzato a Cernusco sul Naviglio un incontro per cercare di capire meglio il conflitto in corso e le possibili vie d'uscita.

Negoziare la pace in Ucraina, istruzioni per l'uso con l'ex ministra Roberta Pinotti
Attualità Martesana, 12 Aprile 2022 ore 17:19

Come negoziare la pace in Ucraina. E' questo il tema di un interessante dibattito che si è tenuto nella sala Camerani della biblioteca di Cernusco sul Naviglio, ieri lunedì 11 aprile 2022. Ospiti d'eccezione della serata sono stati l'ex ministra della Difesa Roberta Pinotti e Alessandro Alfieri, senatore e segretario della commissione Esteri del Senato.

2 foto Sfoglia la gallery

Il tema dell'Ucraina a Cernusco

Un tema caldo, quello della guerra con la Russia. Si è parlato delle cause scatenanti e, soprattutto delle prospettive di negoziazione per una via d'uscita.

"La guerra in Ucraina ci ha posto di fronte a sfide e scelte difficili - ha introdotto il senatore Eugenio Comincini - Sono in gioco la vita delle persone, la libertà di un popolo e di uno Stato, il valore della democrazia, il rispetto del diritto internazionale, il ruolo della diplomazia" .

Concetti che ha ripreso Roberta Pinotti, senatrice e presidente della commissione Difesa del Senato, che era in collegamento:

"Il primo punto è sperare in una chiusura dell'ostilità - ha spiegato - Il secondo è che l'Europa possa fare da garante rispetto al mantenimento degli accordi tra Russia e Ucraina. Dovremo ricostruire una sicurezza in Europa, dove questa sia un attore primario e non secondario".

"Ci sono due errori compiuti da Putin - ha aggiunto Alfieri - Sottovalutare la fierezza del popolo ucraino e la capacità di mettere in atto azioni di guerriglia sul territorio. L'altro è stata la sottovalutazione della reazione compatta mondo occidentale, sia europea sia americana, in un’alleanza atlantica omogenea pur nelle sue differenze e dialettiche interne".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter