Attualità
Un appello

Liscate "dà buca" all'associazione dei Pensionati, che continua a cercare volontari

I superstiti dell'associazione stanno chiedendo a gran voce nuove forze, ma nessuno si presenta

Liscate "dà buca" all'associazione dei Pensionati, che continua a cercare volontari
Attualità Melzese, 21 Dicembre 2022 ore 18:02

Liscate «dà buca» all’associazione dei Pensionati, che ha dovuto sospendere le sue attività di trasporto dei malati e del Piedibus.

Liscate lascia a piedi l'associazione dei Pensionati, non ci sono volontari

Nel sodalizio sono rimasti in tre. Il presidente Enzo Messana e una coppia di coniugi in pensione. Ora come faranno a continuare la loro attività? Già dal mese scorso avevano lanciato un appello per incontrare nuove leve martedì nella loro sede di via XXV Aprile.

La porta aperta per potersi mettere a disposizione del prossimo e la volontà di incontrare nuove persone per lavorare insieme per una comunità migliore. Nessuno, però, si è presentato. E la delusione è stata cocente.

"Siamo rimasti senza volontari, al momento siamo solo in tre - hanno affermato il presidente Messana insieme alla volontaria Angela Ravia - Purtroppo la pandemia ci ha tolto tanto: quando il virus ci ha costretti in casa abbiamo dovuto sospendere tutti i servizi, sia quelli di accompagnamento dei malati sia il Piedibus, per evitare il contagio. In questi anni molti dei nostri volontari hanno abbandonato fra chi è diventato troppo anziano, chi purtroppo è venuto a mancare. Ora non siamo abbastanza".

Anche il Piedibus all’inizio di quest’anno, non è potuto partire.

"In paese ci sono tre linee per i bambini delle elementari, hanno bisogno di più di un accompagnatore ciascuna - ha spiegato Messana - Mi dispiace molto perché sono servizi utili alla comunità. Una volta capito che non avevamo forze, abbiamo deciso di lanciare un appello ai liscatesi".

E’ stato infatti diffuso un volantino dove si chiedeva appunto un aiuto concreto. Prima sui social, poi si è passati al volantinaggio coatto, quasi un porta a porta. L’appuntamento fissato per martedì però è stato un disastro.

Dall'Amministrazione però, è arrivato l'invito di portare pazienza e attendere tempi migliori e nel frattempo, di non sospendere le ricerche.

 

 

Seguici sui nostri canali