Attualità
lutto

La politica di Cologno Monzese perde l'ironia e il sorriso di Paolo Perolari

Amico fraterno dell'ex sindaco Antonio Velluto era tra i membri più attivi della lista civica Cologno Libera.

La politica di Cologno Monzese perde l'ironia e il sorriso di Paolo Perolari
Attualità Martesana, 12 Marzo 2022 ore 12:00

La politica di Cologno Monzese perde Paolo Perolari 66 anni. Non è mai stato sindaco, né assessore, né consigliere. Eppure sarà difficile, se non impossibile colmare il vuoto che lascia a Villa Casati.

Cologno dà l'addio a Paolo

Paolo Perolari si è spento giovedì 10 marzo 2022 all'ospedale San Raffaele, a causa delle complicazioni di una malattia che lo aveva colpito negli ultimi tempi. Era un "portatore di legna": sin dall'inizio si era impegnato nelle retrovie nell'avventura politica dell'ex sindaco Antonio Velluto che aveva fondato la lista civica Cologno Libera, nella quale Paolo si era più volte candidato.

Osservatore attento, conoscitore di nomi, volti e storie, non saltava mai una seduta di Consiglio e gli avvenimenti più importanti della città. Ma soprattutto non vi faceva mai mancare il suo sguardo attento e le sue battute ironiche. Coglieva sempre nel segno. Lanciava una frecciata apparentemente superficiale, ma che invece rivelava una conoscenza profonda delle pieghe e contropieghe della politica locale. Seguire le lunghe sedute del parlamentino con lui accanto era come avere un sagace commentatore.

"Da tantissimi anni ci vedevamo tutti i giorni, anche solo per un caffè - ha raccontato Velluto - Mi è venuto a mancare un fratello, più che un amico. Sono ore di profonda tristezza per me".

Aveva gestito l'azienda di imballaggi che aveva ereditato dai genitori. Negli ultimi tempi si era dedicato all'attività di consulenza ed era stato il formatore di uno dei corsi organizzati dall'Amministrazione comunale.

Paolo lascia la moglie Paola e la figlia Sonia. L'ultimo saluto avverrà oggi, sabato 12 marzo 2022, alle 14.15 direttamente nella camera ardente del tempio crematorio di Lambrate.

Seguici sui nostri canali