Attualità
Misure cautelari

Indagati due medici dell'Uboldo di Cernusco sul Naviglio

Una capillare rete di corruzione di medici e infermieri in servizio in ospedali pubblici e primarie strutture sanitarie private in regime di convenzione.

Indagati due medici dell'Uboldo di Cernusco sul Naviglio
Attualità Martesana, 11 Giugno 2022 ore 12:40

All’obbligo di firma un farmacista di Bussero.

Uboldo di Cernusco, due medici sotto accusa

Una capillare rete di corruzione di medici e infermieri in servizio in ospedali pubblici e primarie strutture sanitarie private in regime di convenzione. E’ quanto svelato dalle indagini condotte dalla Squadra mobile di Bergamo e dai carabinieri del Nas di Milano, con il coordinamento di Eurojust tra Italia e Albania, sul traffico di farmaci e favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. Tra i 10 destinatari di misure cautelari (6 in carcere, 3 ai domiciliari e 1 all’obbligo di firma), risultano anche due medici, indagati per il loro ruolo svolto all’interno dell’ospedale di Cernusco Sul Naviglio: Domenico Carriero, classe 1957 e Domenico Paternicò, 53 anni. All’obbligo di firma un farmacista di Bussero.

Tra i farmaci ottenuti, anche in piena emergenza pandemica, il Clexane o Enoxaparina

Secondo quanto riferito, attraverso una capillare penetrazione nel sistema sanitario lombardo, l'organizzazione era in grado di ottenere il rilascio, da parte di medici corrotti, di false certificazioni attestanti la necessità, in capo a cittadini albanesi, di urgenti cure sanitarie in Italia e, così, consentendo l'ingresso dello straniero sul territorio nazionale. L'organizzazione, inoltre, tramite la corruzione sistematica di dipendenti pubblici, otteneva il rilascio di tessere sanitarie intestate a soggetti stranieri, che non avrebbero avuto diritto alle stesse, per usufruire delle prestazioni sanitarie e ottenere i farmaci in regime di esenzione. Tra i farmaci ottenuti, anche in piena emergenza pandemica, anche il Clexane o Enoxaparina, anticoagulante utilizzato nel trattamento medico dei pazienti Covid, che era di difficile reperimento allora.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter