Menu
Cerca
dietrofront

Il centro vaccini di Rivolta d’Adda riapre

La struttura era stata chiusa dopo soli 15 giorni.

Il centro vaccini di Rivolta d’Adda riapre
Attualità Cassanese, 22 Aprile 2021 ore 17:32

La Regione fa dietrofront. Il centro vaccini del Santa Marta di Rivolta d’Adda riaprirà. La decisione è stata comunicata oggi, giovedì 22 aprile 2021.

Rivolta: riapre il centro vaccini

Il centro era stato aperto all’inizio di marzo ma poi, dopo sole due settimane e con l’avvento degli hotspot massivi era arrivata la decisione di chiudere, che aveva creato non poco scompiglio, scatenando anche la dura reazione del sindaco Fabio Calvi e della sua vice Elisabetta Nava, che avevano chiesto di ripensarci.

Poi la comunicazione della lieta novella.

La decisione della Regione di riaprire il centro vaccinale di Rivolta d’Adda è senza dubbio un’ottima notizia che accolgo con piacere – ha commentato l’onorevole della Lega eletta sul Cremasco, Claudia Gobbato  – In questi giorni  ho avuto contatti costanti con i vertici di Regione Lombardia per cercare di risolvere una questione che per il territorio stava diventando particolarmente difficile. Sin dal giorno  in cui sono stata informata della chiusura del centro mi sono attivata per cercare la migliore soluzione per i cittadini non solo di Rivolta ma di tutto il  Cremasco. Questo significa per me mettersi a disposizione dei propri concittadini, a maggior ragione in un momento ancora così complicato.

Soddisfatto della decisione della Regione anche il segretario della sezione della Lega di Rivolta d’Adda, Romano Ogliari che oltre a ringraziare il Pirellone, coglie l’occasione per ribadire il forte impegno dei rappresentanti territoriali del suo partito.

Questo importante risultato è frutto del lavoro costante e continuativo dei rappresentanti della Lega che si sono sempre adoperati per la risoluzione della situazione, in modo particolare del nostro onorevole Claudia Gobbato che anche in questa circostanza ha dimostrato tutta la sua sensibilità rispetto alle istanze dei Rivoltani.